Come friggere: 5 regole base

pastellato-e-fritto
Sale&Pepe

La frittura è uno dei metodi di cottura più ghiotti, ma è da adottare con parsimonia perché ha un grande apporto calorico. Si basa infatti sull'immersione del cibo in un grasso bollente. 

Per la buona riuscita di una frittura si consigliano due procedimenti. Si può tuffare l'alimento in un grande recipiente come una casseruola con abbondante quantità di olio portato a giusta temperatura, e poi scolarlo con l'apposito retino o con la schiumarola a rete. Oppure si può friggere in padella facendo un uso minore di olio. Entrambi i metodi danno ottimi risultati! Esistono poi in commercio anche le friggitrici elettriche, grosse pentole dotate di coperchio e termostato che permette di mantenere costante la temperatura dell'olio.

Per realizzare un fritto perfetto, basta seguire delle semplici regole pratiche.

Ecco le 5 regole base per preparare un fritto perfetto

Friggere ad arte non è difficile. Con qualche semplice accorgimento, anche chi ha poca esperienza ai fornelli può portare in tavola bocconcini fragranti e leggeri senza alcuna fatica. 

1) L'olio giusto: il più adatto è quello di oliva, ma va bene anche l'olio di semi di arachide. Entrambi, infatti, reggono bene le alte temperature senza bruciare.
2) Usa olio in abbondanza: se cuociono immersi, i cibi risulteranno più leggeri.
3) Accertati che la temperatura dell'olio sia calda al punto giusto. Come? Butta nella padella un crostino di pane o un pezzetto di carota: se affiora in superficie sfrigolando e forma tante bollicine tutto intorno, l'olio è pronto per iniziare a friggere.
4) Friggi pochi pezzi alla volta, perché molti insieme farebbero abbassare la temperatura dell'olio, col risultato che il fritto sarebbe meno croccante e più unto. Subito dopo aver immerso i cibi, alza la fiamma e tienila alta finché il fritto comincia a sfrigolare. 
5) Man mano che friggi, tieni i pezzi già pronti nel forno caldo ma spento e con lo sportello aperto; non coprirli, per evitare che il vapore li renda mollicci.  

I trucchi per evitare gli schizzi d'olio

Prima di versare l'olio per iniziare a cucinare, spargi nella padella calda un pizzico di sale. Un altro accorgimento è coprire la pentola con un colapasta di metallo o di silicone capovolto: il vapore uscirà lo stesso, ma in questo modo l'olio non schizzerà da tutte le parti.

Come friggere senza odori

Se hai il balcone o il giardino e possiedi una friggitrice elettrica, per evitare che si diffonda l'odore di fritto in casa, procurati una prolunga, sistema la friggitrice all'esterno e friggi. In casa, aziona la cappa aspirante al massimo e copriti i capelli con un foulard o una cuffia.

L'olio più sano

Il punto di fumo dell'olio d'oliva, ossia la temperatura alla quale comincia a bruciare formando sostanze irritanti per lo stomaco, è molto elevato. Difficilmente viene superato durante una normale frittura casalinga. Una valida alternativa più economica e anche più delicata di gusto, è l'olio di semi di arachidi, che regge bene alle alte temperature quasi quanto quello d'oliva. Evita l'olio di semi vari, dato che non vengono specificate la sua composizione e la sua resistenza al calore.

Condividi


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it