Una spesa più buona per le persone e per la natura

Una spesa più buona per le persone e per la natura

L’impegno per la salute delle persone e dell’ambiente entra al supermercato (anche se magari non ce ne accorgiamo). Ecco cosa sta facendo Despar

Pinterest
stampa
spesa despar
Sale&Pepe

Il carrello della spesa non è più quello di un tempo. Non sta cambiando solo quello che ci finisce dentro (meno bibite gassate, pasta e olio, più uova, ortofrutta e tramezzini) ma anche quello che c’è dietro e dentro i prodotti. Anche di quelli venduti con i marchi delle catene distributive, che ormai sfiorano il 19% delle vendite. In pratica quasi un acquisto su cinque effettuato nella distribuzione moderna porta la marca del distributore. E ci sono catene con risultati ancora migliori. Come Despar, che l’anno scorso ha venduto oltre 289 milioni di prodotti delle 16 linee che “firma” (dal Veggie ai prodotti di filiera Passo a Passo, alla linea Premium che raccoglie le eccellenze tipiche italiane). Un assortimento ampio (oltre 3mila prodotti diversi), che non solo viene costantemente ampliato (l’anno scorso, ad esempio, sono stati lanciati 251 nuovi prodotti) ma viene continuamente rivisto per rendere i prodotti più salutari e più sostenibili. Quest’anno, infatti, saranno circa 600 i prodotti Despar che verranno “rivisti” in un’ottica di attenzione al benessere nutrizionale e alla difesa dell’ambiente. Vediamo come.

Meno sale, grassi e zuccheri nei prodotti
È dal 2017 che Despar collabora con l’Università di Parma, per migliorare le caratteristiche nutrizionali dei suoi prodotti. I nutrizionisti accademici hanno analizzato circa 300 prodotti a marchio Despar (dai biscotti ai succhi di frutta, dagli yogurt ai cracker, dagli snack salati alle merendine) per capire come diminuire grassi saturi, zuccheri e sale, e come aumentare il contenuto di fibre e di sostanze nutritive “benefiche” senza penalizzare il gusto, la consistenza e la “durata” dei prodotti. Un lavoro che ha già dato i suoi frutti: in un paio di anni sono già stati “riformulti” 350 prodotti, e altri 500 lo saranno quest’anno. Ed entro il 2020 tutti i prodotti delle nove “famiglie” individuate saranno stati rivisti e migliorati in un’ottica di corretta nutrizione. In parallelo, Despar ha ampliato la sua offerta di prodotti biologici, salutistici e ricchi di ingredienti benefici. Tra le ultime novità ci sono lo stracchino light, i cracker alla soia (senza olio di palma), il succo di aloe vera e le radici di zenzero biologico.

Confezioni più ecologiche (e zero microplastiche)
Un altro importante e complicato “cantiere” su cui Despar sta lavorando da anni è quello della sostenibilità ambientale dei suoi prodotti. Oltre ad aumentare l’offerta di prodotti biologici e ottenuti in modo più “ecologico” (ad esempio entro il 2021 tutti i prodotti Despar saranno privi di microplastiche) e attento al benessere animale (come le uova da galline allevate a terra e il tonno proveniente da esemplari pescati a canna), molto è stato fatto per diminuire l’impatto ambientale del packaging. Come? Inserendo pack richiudibili (e quindi antispreco) e riciclabili. E introducendo materiali eco-sostenibili. Come le confezioni 100% compostabili per alcuni prodotti ortofrutticoli (come aglio, cipolla e insalate bio in busta) a marchio Passo dopo Passo Despar e per piselli, spinaci e minestrone della linea Scelta Verde Bio, Logico Despar. E, tra poche settimane, arriverà in vendita anche la prima linea di prodotti monouso biodegradabili e biocompostabili.

Manuela Soressi
maggio 2019

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it