Un’insalata di patate da 46.000 dollari

Un'insalata di patate da 46.000 dollari

Prodigi del crowdfunding: Zack Brown di Columbus, Ohio, ha chiesto 10 dollari sul sito Kickstarter per realizzare un’insalata di patate. A oggi la somma raccolta ammonta a quasi 46.000 dollari

Pinterest
stampa
insalata di patate46
Sale&Pepe

Difficile a credersi, ma il giovane Zack Brown, con il successo riscosso dalla sua insalata di patate, ha scatenato una tempesta sul web ed è diventato una celebrità: dall'inizio della settimana tutti i siti americani ne parlano e da ieri la notizia rimbalza anche sui network italiani. Per qualche strano e imperscrutabile prodigio della rete, la banalissima insalata di patate, nel momento in cui scriviamo, ha ricevuto finanziamenti da 5.645 persone. 

60163Cosa riceveranno in cambio i generosi investitori? Dipende dalla somma versata: per 3 $ un assaggio di insalata e una foto di Zack mentre la prepara, per 5 $ si possono aggiungere altri ingredienti, ricevere un ringraziamento pubblico sul sito ufficiale e la promessa che lo chef urlerà il nome del donatore mentre cucinerà la preziosa insalata. Chi verserà 20 $ avrà il nome inciso in una patata che andrà a far parte del piatto e, sempre in tema di patate, un haiku scritto da Zack. Dai 20 $ in su i sostenitori saranno ricompensati con T-shirt dedicate, libri di cucina sul tubero e chiaramente un assaggio dell'insalata.

Ma nella notte tra mercoledì 9 luglio e giovedì 10 il progetto ha subito importanti defezioni: il finanziamento che aveva raggiunto l'incredibile cifra di 70.000 $ è calato di 30.000 $. La corsa al finanziamento però ha ripreso quota dopo l'apparizione di Zack alla trasmissione Good Morning America, nella quale ha rassicurato i finanziatori sull'utilizzo del denaro ricevuto per nobili fini. Ma chi è Zack Brown, il ragazzo che voleva fare solo un'insalata? Un genio della comunicazione o un creatore di bufale per mettere in ridicolo la società moderna e prendersi gioco del web? Ci restano 22 giorni per capire cosa ne sarà della sua insalata. Basta seguire il sito www.kickstarter.com/projects/potato-salad

Mentre l'America impazzisce per le patate e per Zack Brown, cosa succede nei siti di crowdfunding di casa nostra?Possiamo definire il crowdfunding una colletta popolare in versione 2.0: chi ha un progetto e non ha la possibilità di accedere ai finanziamenti istituzionali per realizzarlo, può  mettere in rete, nei siti dedicati, la sua idea e augurarsi di raccogliere i fondi necessari. Il finanziamento dal basso non è ancora un fenomeno molto diffuso in Italia, soprattutto nel settore agroalimentare: mentre negli Stati Uniti, oltre al già famoso Kickstarter, ci sono IndieGoGo e Foodstart, piattaforma interamente dedicata al cibo e alla ristorazione, in Italia si trovano progetti di food sul sito www.eppela.com 

E' qui che la cooperativa agricola P'orto è riuscita a ottenere il finanziamento al suo progetto. Produttori di vino, olio, miele e ortaggi recuperano terreni abbandonati e impiegano persone che provengono da percorsi di recupero o che sono fuggite dalla guerra. Il progetto consiste in un sistema di distribuzione e vendita delle verdure appena colte in punti stabiliti nel centro e nei dintorni di Lucca.  

60164Non hanno invece raggiunto la quota richiesta le giovani designer Marina Cinciripini e Sarah Richiuso che hanno ideato dei tattoo temporanei speciali: ricette con gli ingredienti necessari per realizzarle da tatuarsi sull'avambraccio. Mentre si cucina ci si rimbocca le maniche svelando, così, tutti i passaggi della ricetta. Marina e Sarah però sono state contattate da molte aziende interessate al progetto e chissà mai…
60165Se volete saperne di più potete visitare il loro sito www.itradizionali.com

In conclusione, se avete buone idee, semplici e originali e siete dei buoni comunicatori, fatevi sotto, il successo vi aspetta sul web!

Monica Pilotto
11 luglio 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it