Latte d’asina, elisir di bellezza e salute

Latte d'asina, elisir di bellezza e salute

Pinterest
stampa
Donkeys in Field
Sale&Pepe

Il latte d'asina è, fra i latti animali, quello che ha una composizione più simile al latte materno. Lo confermano diversi studi internazionali e italiani, fra cui uno condotto dalla Clinica pediatrica dell'Università di Chieti (clicca qui). 

Ma lo insegna da sempre la saggezza popolare: soprattutto nelle campagne, il latte d'asina veniva dato come nutrimento ai bimbi e, in particolare, ai neonati che non potevano essere allattati dalle mamme. Tanto che persino Papa Francesco ha raccontato di recente di essere stato cresciuto a latte d'asina! 

Ricco di lattosio, ha un contenuto ridotto di grassi e di allergeni ed è quindi, in genere, ben tollerato da chi ha intolleranze al latte vaccino (purché non al lattosio, naturalmente). Inoltre, contiene sostanze che migliorano l'assimilazione del calcio: per questo, si rivela un aiuto non solo per i bambini in crescita, ma anche per le donne, giovani e meno giovani, e gli anziani, prevenendo l'osteoporosi.

Tornando alla sua composizione, contiene buone quantità di vitamine A, B1, B2, B6, C, D, E, minerali e oligoelementi (calcio, magnesio, fosforo, ferro, zinco), acidi grassi polinsaturi Omega 3 e Omega 6, proteine e aminoacidi.

Un cocktail di elementi preziosi per l'alimentazione e... per la cosmesi! Lo sapevano bene Cleopatra, Poppea e Paolina Bonaparte, celebri per i loro candidi bagni di latte.
Oggi questo nettare prezioso si può acquistare sempre più facilmente, sia fresco che liofilizzato, nei negozi di alimentazione naturale e biologica, nelle erboristerie e in alcune farmacie fornite (per trovare un elenco di rivenditori, clicca qui), oppure online (clicca qui).

Gli stessi indirizzi in cui cercare anche i cosmetici: dalle linee baby, per prendersi cura della pelle dei più piccini, a bagnischiuma per i bagni di bellezza delle mamme, oltre a creme per il viso, tonici, detergenti, prodotti antirughe e per combattere le smagliature, eccetera eccetera.

Tornando alle qualità organolettiche, la domanda sorge spontanea: il latte d'asina che sapore ha?
Grazie all'alto contenuto di lattosio, che è uno zucchero, è gradevolmente dolce e delicato, quindi utilizzabile anche in cucina per creme, budini, dolci e besciamelle senza il retrogusto che possono lasciare, a volte, latti "alternativi" come quello di soia. Se poi si aggiunge che l'allevamento delle asine segue, il più delle volte, sistemi naturali e biologici, possiamo sicuramente affermare che si tratta di una bevanda da scoprire, o riscoprire, per un'alimentazione sana e gustosa.

Francesca Romana Mezzadri
19 dicembre 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it