Cibi senza lattosio: etichette più chiare

Cibi senza lattosio: etichette più chiare

Gli intolleranti allo zucchero del latte non sono obbligati a rinunciare ai prodotti lattiero-caseari: basta che scelgano quelli che ne se sono privi. E da qualche giorno riconoscerli al supermercato è anche più facile

Pinterest
stampa
shutterstock_318755801
Sale&Pepe

Golosi di latte, yogurt e formaggi ma preoccupati per il loro contenuto di lattosio. Anche se le statistiche ufficiali dicono che solo il 2,4% degli italiani è realmente intollerante allo zucchero tipico del latte, una ben più ampia fetta di italiani crede di esserlo e quindi tende a non consumare latte e derivati. Un “sacrificio” non necessario, visto che nell’universo lattiero-caseario ci sono tanti prodotti che non contengono lattosio o perché ne sono naturalmente privi o perché viene eliminato durante la loro produzione. Da qualche giorno riconoscerli al supermercato è diventato più semplice, grazie alle nuove e chiare informazioni che sono comparse sulle loro confezioni.

Arrivano i prodotti “naturalmente” senza lattosio
Yogurt, latti fermentati e formaggi a lunga stagionatura (come Grana Padano e Parmigiano Reggiano): questi derivati del latte possono essere consumati in tutta tranquillità dagli intolleranti al lattosio, perché, per effetto del loro processo produttivo, ne contengono quantità minime, talvolta pari a zero. Finora un consumatore doveva esserne informato prima di andare a fare la spesa. Da qualche giorno, invece, l’indicazione “lactose free” compare anche sulle etichette, come spiega l’associazione dei produttori lattiero-caseari Assolatte che ha avuto il “via libera” sull’etichettatura da parte del ministero della Salute.
Oggi, dunque, basta solo verificare che sulle confezioni compaia una di queste due indicazioni: "naturalmente privo di lattosio" (presente sui prodotti che hanno meno dello 0,1% di lattosio) e "naturalmente a ridotto contenuto di lattosio" (in questo caso il valore è inferiore allo 0,5%).

Sì a yogurt e formaggi stagionati
Gli intolleranti al lattosio possono consumare senza problemi yogurt e latti fermentati perché i loro batteri lattici producono la lattasi, l’enzima necessario per la digestione del lattosio a livello intestinale. Non creano problemi nemmeno i formaggi a pasta extra dura (come Parmigiano Reggiano e Grana Padano), perché durante la lunga stagionatura il lattosio viene trasformato in acido lattico.

Via libera ai delattosati
E per completare il menu si può sempre ricorrere anche all’ampia gamma di latti, latticini e formaggi "ad alta digeribilità" o "delattosati". Si tratta di alimenti classificati per legge come “destinati ad alimentazione particolare”, nei quali la maggior parte del lattosio è già stata scissa nei suoi due zuccheri (glucosio e galattosio) ed è quindi perfettamente tollerabile da tutti i consumatori. Latte, crescenza, mozzarella, stracchino, mascarpone, ricotta, burrata e burro “delattosati” sono identici, per gusto e consistenza, ai loro omologhi tradizionali, anche sul fronte nutrizionale. Merito anche dell’evoluzione della tecnologia, che li ha resi più buoni e appetibili.

Buone abitudini per fare pace col lattosio
L’intolleranza al lattosio non è per sempre: basta adottare alcune semplici abitudini e nel giro di un mesetto si può tornare a digerire senza problemi latte e derivati. Il primo step consiste nell’introdurre il latte e i prodotti lattiero-caseari in modo graduale, aumentandone via via il consumo. In questo modo si “aggiusta” la flora batterica del colon che impara a digerire il lattosio senza problemi. Un altro stratagemma è quello di bere il latte insieme ad altri alimenti (ad esempio biscotti, pane, cereali), in modo da rallentare il transito intestinale facilitando così la digestione del lattosio.

Manuela Soressi

Condividi

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it