Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Home News e Eventi Benessere Frutta e verdura di stagione: ecco cosa troverete a novembre

Frutta e verdura di stagione: ecco cosa troverete a novembre

Il buono della natura, il profumo del sottobosco e i benefici della frutta e verdura di stagione

Pinterest
stampa
frutta-e-verdura-di-stagione-@salepepe
Sale&Pepe

Indetta per la prima volta il 1° novembre 1994, la Giornata Mondiale Vegana nasce proprio per aumentare e diffondere la conoscenza dei benefici che questo stile di vita può apportare al nostro organismo. Uno stile di vita green e a basso impatto ambientale che negli ultimi anni si è diffuso a macchia d’olio in gran parte del Mondo. E noi, proprio in occasione di questa giornata vogliamo raccontarvi della frutta e verdura di stagione che troverete sulle tavole di novembre, quella che sa e profuma di autunno, di terra e di buono!

Perché è importante mangiare frutta e verdura di stagione
Coltivatori, nutrizionisti e medici ce lo dicono ormai da anni, mangiare frutta e verdura di stagione fa bene al nostro organismo e all'ambiente. Dalla frutta e verdura di stagione, che nasce e cresce nel suo periodo dell'anno possiamo trarre diversi benefici tra cui un maggiore apporto di micro nutrienti come sali minerali e vitamine; mangiare alimenti più saporiti e più profumati. Quante volte, comprando frutta e verdura fuori stagione, ci siamo resi conto che il sapore e il profumo fossero meno intensi? Questo accade perché la frutta e la verdura non hanno il tempo necessario e l'ambiente adatto per maturare come natura vuole, le piante sono cresciute forzatamente in serre e i frutti fatti maturare in maniera del tutto innaturale. Non solo, la frutta e la verdura di stagione contiene meno pesticidi di quella coltivata in serra "fuori stagione". Come mai? Le piante stagionali sono più forti e resistenti ai parassiti mentre, quelle fatte crescere forzatamente per soddisfare la richiesta del mercato e dei consumatori di avere frutta e verdura di stagione e non sempre disponibile sui banchi della GDO, sono più deboli e più esposte ai parassiti. 

Frutta e verdura di stagione, quella di novembre
La frutta di questo mese è ricchissima di Vitamina C, la ritroviamo in arance, mandarini, clementine, limoni e kiwi, ma anche nell'insospettabile caco. Ebbene sì, anche i cachi hanno una buona quantità di Vitamina C in aggiunta a tantissimi micro nutrienti preziosissimi. Ma il frutto per eccellenza di novembre è lei, la castagna! Uno dei bellissimi doni della natura novembrina (ma anche di metà / fine ottobre) che si rivela come un alimento molto versatile in cucina. Perfette da arrostire in padella, da bollire in acqua o nel latte per ammorbidirle e preparare tantissime pietanze dolci oppure salate. Ma non dimentichiamoci delle mele, raccolte da fine agosto a novembre per essere disponibili sulle nostre tavole fino a gennaio; un frutto delicato, saporito, succoso e ottimo per sfornare dolci e profumatissime torte. Per esempio, una delle varietà di novembre è la Melannurca campana, piccola, succosa, dal gusto leggermente acidulo e fresco. Date le sue dimensioni si rivela essere un ottimo snack da consumare a metà mattina oppure per merenda. Non solo, un'altra varietà di mela che si raccoglie a novembre è la Pink Lady, dall'inconfondibile colore tendente al rosa e dal sapore aromatico. Ma lo sapete che questa varietà di mela è il frutto di un incrocio tra una mela Lady Williams e una Golden Delicius? Buonissima! Inoltre, a novembre possiamo anche trovare della succosissima e dolcissima uva.

E la verdura? A novembre troviamo cavoli, verze, patate, cime di rapa, broccoli, finocchi, funghi, carciofi spinosi, cavolfiori. I funghi, i veri re del sottobosco, dal sapore e profumo intenso. Ottimi per preparare risotti, conserve o vellutate; da spadellare con altre verdure oppure da friggere o da trifolare per accompagnare una morbida polenta. Ma in realtà, tutte le verdure che novembre ci regala sono perfette per preparare piatti caldissimi, zuppe e intingoli che riscaldano l'anima e lo stomaco. Non solo, sono perfette anche da gratinare! Pensate a una fumante teglia di finocchi o di broccoli gratinati? Irresistibili! E poi le verze, perfette alleate per avvolgere involtini di carne e verdura da far cuocere lentamente; oppure potete impiegarle per preparare torte salate o i più classici pizzoccheri valtellinesi, rigorosamente con il Bitto! 

Novembre e i tartufi
192432Minerale e terroso, dal profumo inconfondibilmente buono ed elegante, il tartufo non fa bene solo all’anima e al palato, fa bene anche all’organismo! Uno dei suoi punti di forza è l'essere totalmente privo di colesterolo, il che lo rende un alimento ottimo da abbinare a piatti più grassi come le classiche uova al tegamino o i tagliolini al burro! Ma attenzione alle quantità, per insaporire un piatto ne basta davvero qualche scaglia. Di varietà ne esistono diverse, ma quelle che troverete anche a novembre sono il Bianco Pregiato (settembre - gennaio), il Nero Liscio (settembre - dicembre), il Nero Ordinario (ottobre - gennaio), lo Scorzone Invernale (ottobre - dicembre) e il Nero Pregiato (metà novembre - marzo). 
I tartufi, prevalentemente vengono consumati crudi e a scaglie, per insaporire risotti, tagliolini, uova o bruschette. Potete anche farne un utilizzo differente e provare a preparare un olio aromatizzato al tartufo fatto in casa! Semplicissimo e di grande effetto. Vi servirà un tartufo, un taglia tartufi per ricavarne fette sottili, 500 ml di olio exravergine dal gusto non troppo marcato e ovviamente una bottiglia di vetro. Il procedimento è semplicissimo, vi basterà tagliare delle fettine sottili di tartufo e andarle ad inserire nella bottiglia d'olio, chiudere e lascia riposare in luogo fresco e asciutto per qualche giorno in modo che il tubero possa rilasciare i suoi aromi e l'olio assorbirli a dovere. Usatelo per condire bruschette, insalate, piatti di pasta e di riso!
Qui potete trovare tantissime informazioni e curiosità su questo pregiatissimo tubero!

novembre 2021
Giulia Ferrari

Pubblicato il 01/11/2021

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it