Detox d’autunno: come depurarsi e riprendere la routine con energia!

Detox d’autunno: come depurarsi e riprendere la routine con energia!

Dopo le vacanze è importante scegliere i cibi e le tisane giuste per un periodo detox e per affrontare la ripresa con la giusta energia. Ecco i nostri consigli e un’utile guida per preparare le tisane in casa.

Pinterest
stampa
tisanedetox:benessere
Sale&Pepe

Se dopo le vacanze avete voglia di leggerezza, di riprendere la routine autunnale liberandovi da quel senso di pesantezza che a volte i bagordi vacanzieri ci lasciano (insieme a qualche chiletto di troppo), è il momento di regalarsi un periodo detox. Scordate però diete privative o giornate passate a sognare il cibo, la depurazione post vacanze è l’occasione giusta per concentrarsi su una corretta alimentazione e imparare alcune buone condotte che ci aiuteranno tutto l’anno.

Il benessere inizia a tavola
Regola fondamentale per star bene e depurarsi è scegliere bene i cibi che finiscono nel nostro piatto, privilegiando ingredienti di stagione e di qualità. Una spesa ben fatta è la base per un detox riuscito.
Luca Naitana, biologo nutrizionista e ideatore del Metodo Wellbeing, ci ha dato alcuni semplici accorgimenti da seguire: “Aumentate l'utilizzo di frutta e verdura meglio ancora se da bere (centrifughe o estratti) nel corso della giornata, come spuntino o a colazione. Vi daranno energia senza appesantirvi. Probabilmente in vacanza avrete consumato cerali raffinati (pane, pasta e dolci), adesso è il momento ideale per prediligere i cereali integrali, meglio se in chicchi, più ricchi di nutrienti e fibre”. Le idee sfiziose non mancano, come gli spaghetti integrali alla rucola o l’insalata di riso integrale al pesto
Da non dimenticare il pesce, che in una dieta detox è da preferire alla carne ed è prezioso per l’apporto di omega 3, acidi grassi essenziali che possiamo trovare anche nel tofu e nell'olio di lino. Naitana ci mette in guardia anche dalla tentazione di saltare i pasti in cerca di scorciatoie che possono al contrario rivelarsi dannose per il nostro benessere.
"Fare 5 pasti al giorno e bere molta acqua è importantissimo. Per quanto riguarda i 5 pasti, devono essere piccoli e devono prevalere gli alimenti leggeri come frutta, verdura e legumi. Anche l'idratazione è fondamentale, consiglio di bere almeno 2 litri di acqua al giorno a basso residuo fisso. Potete aumentare l'idratazione ma anche la depurazione del corpo, preparando delle acque aromatizzate servendovi di frutta, alcuni ortaggi ed erbe (cetriolo, ananas, limone, pompelmo, zenzero, tarassaco e betulla)".

Tisane alleate detox
Tisana deriva dal greco e significa letteralmente “macinare l’orzo”. In origine "tisana" indicava esclusivamente un decotto di orzo macinato e solo più tardi un infuso a base di bacche, foglie o fiori lasciati decantare in acqua bollente e poi filtrati.Sorseggiare una di queste bevande calde e profumate non è solo è un piacevole rito: scegliendo alcune varietà di piante possiamo aiutare il nostro organismo a rinforzare il sistema immunitario ed eliminare le tossine agendo su fegato e reni, gli organi deputati a disintossicare l’organismo. Le tisane disintossicano l’organismo sfruttando le proprietà depurative di bacche, foglie e fior, sono quindi perfette per un periodo detox. Ma come sceglierle e prepararle?

Ogni pianta una virtù
Le erbe da utilizzare per depurarsi sfruttano diverse proprietà:

  • Lassative (tarassaco, senna, menta, liquirizia, anice): stimolano l’intestino e aiutano a pulire il colon dalla scorie in eccesso;
  • Diaforetiche (betulla, tarassaco, bardana e ortica): favoriscono la sudorazione, una funzione vitale coinvolta nella rimozione delle tossine dal sangue;
  • Drenante Rosa (canina, tarassaco, malva, dente di leone)stimolano la diuresi aiutando ad eliminare i ristagni di liquidi e aiutando la microcircolazione.

Le regola per preparare una tisana a regola d’arte

Utilizzate acqua con il minimo grado di durezza e basso residuo. In caso di acqua particolarmente calcarea è meglio optare per quella minerale in bottiglia.
2 Le erbe devono essere state raccolte da non più di 12 mesi. Per accertarne la freschezza, versatene una piccola quantità in una ciotola con poca acqua per circa 60 minuti; l'assenza del caratteristico odore indicherà che le erbe sono troppo vecchie per poter essere consumare.
3 Dopo l’acquisto conservatele all'interno di un barattolo in un luogo fresco e buio.
4 Non mischiate mai le parti dure (cortecce, semi e radici) e quelle tenere (foglie e fiori) della pianta, perché hanno tempi di infusione diversi. Se preparate un infuso con erbe essiccate portate a ebollizione l’acqua in un pentolino, poi versate l’acqua bollente direttamente nella tazza con le erbe o nell’apposita tisaniera, lasciate riposare per 2-3 minuti, filtrare e bevete. Nel caso utilizziate radici, elementi legnosi e cortecce immergetele nell’acqua fredda e portate a ebollizione. Fate sobbollire per 3-5 minuti e poi fate riposare l’infuso per 10-12 minuti prima di filtrarlo.
5 Non eccedete con le varietà. Gli erboristi in genere non ne utilizzano più di 4-5 al massimo.
6 Assumete la tisana al naturale ed evitate lo zucchero, se proprio volete un pizzico di dolcezza in più prediligete il miele biologico.
7 I principi attivi contenuti in una tisana si perdono nel giro di 12 ore. Dunque consumatela al più presto e non riscaldatela. Piuttosto preparate il quantitativo di infuso che desiderate, trasferitelo caldo o freddo, in un thermos e sorseggiatelo durante tutta la giornata.

5 infusi detox
Ecco 5 infusi da bere al mattino per eliminare le tossine e sentirsi meglio.

1 Alla Rosa canina
Lebacche essiccate di rosa caninahannoproprietà depurative e antinfiammatorie. Favoriscono l’eliminazione delle tossine stimolando la diuresi e aiutano il microcircolo. Potete far essiccare le bacche fresche o acquistarle già essiccate in erboristeria. In quest’ultimo caso, se sono intere, sminuzzatele prima di utilizzarle.
Ingredienti: 250 ml di acqua2 cucchiaini di bacche di rosa caninaessiccate per ogni tazza
Preparazione: Portate a ebollizione l’acqua in un pentolino. Lasciate in infusione le bacche per 4-5 minuti e filtrate.
Dosi: 1 o 2 tazze al giorno

2 Ortica e betulla
I sali minerali contenuti in queste piante e rilasciati nell’infuso risultano molto efficaci per eliminare i ristagni di liquidi nell’organismo e contrastare gonfiori, ritenzione idrica e pesantezza. La betulla aiuta a eliminare gli acidi urici e con essi scorie e tossine; l’ortica contiene acido folico, tannini e vitamine A e C che stimolano la diuresi depurando l’organismo. 

Ingredienti: 1 litro di acqua bollente, 50 grammidibetullaessiccata, 50 grammi diorticaessiccata,50 gr di frutti di bosco secchi.
Preparazione: Lasciate in infusione in acqua bollente per 10 minuti a fuoco spento, filtrate e bevete.

3 Tarassaco e menta
Pianta depurativa per eccellenza, dal tarassaco si ottiene un infuso dalle proprietà diuretiche e leggermente lassative. Il mentolo stimola l’attività gastrica e aiuta la digestione.
Ingredienti: 250 ml di acqua, 15 grammidi foglie essiccate di tarassaco,15 grammi difoglie essiccate di menta piperita.
Preparazione:
 trasferite le foglie essiccate nella tazza o nella tisaniera, versate l’acqua bollente e coprite. Lasciate in infusione 10 minuti. A piacere potete aggiungere un cucchiaio di succo di limone o di arancia.
Dosi:
 è’ consigliabile berla ogni mattina a stomaco vuoto per almeno 2 mesi

4 Carciofo
Depurativo e rimineralizzante, il carciofo contiene flavonoidi e vitamine del gruppo B che aiutano a disintossicare il fegato, con effetti positivi anche sulla pelle, che risulterà più luminosa e distesa. La cinarina, in particolare, è il principio attivo che favorisce la diuresi e la secrezione biliare. Contiene inoltre inulina, una fibra solubile che ha un’azione di controllo del livello di zuccheri nel sangue, aiutando a prevenire l’insorgere del diabete.
Ingredienti: 30 grammi di foglie di carciofo già essiccate, 250 ml di acqua
Preparazione: immergete le foglie nell’acqua bollente e lasciatele in infusione per 15 minuti. Filtrate il liquido ottenuto. Se risultasse troppo amaro, potete aromatizzarlo con un cucchiaino di miele d’acacia.
Dosi: bere una tazza prima di coricarsi.

5 Liquirizia
Ingredienti: 1 litro di acqua, 10 grammi di radice di liquirizia, miele
Preparazione: bollite la liquirizia per 10 minuti, spegnete e lasciate in infusione per 20 minuti. Filtrate e dolcificate con un cucchiaino di miele. Aggiungete a piacere miele. Filtrate e bevete 1 o 2 tazze al giorno a stomaco vuoto.

Silvia Tatozzi 
19 ottobre 2016
aggiornato a settembre 2018 da Claudia Minnella

SCOPRI I CORSI DI CUCINA DI SALE&PEPE

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it