Seguici su Facebook Seguici su Instagram
Tecniche di BaseCome FareAlghe e verdure di mare: proprietà e come utilizzarle in cucina

Alghe e verdure di mare: proprietà e come utilizzarle in cucina

BioIntegraleLightSenza GlutineSenza LattosioSenza UovaVeganoVegetariano

Concentrati di sostanze preziose, regalano ai piatti una nota salmastra

Condividi

Nell’arcipelago giapponese di Okinawa, dove la percentuale di centenari sfiora il 35 per cento, le alghe fresche o disidratate sono una presenza costante sulla tavola di tutti i giorni come piatto unico, contorno e condimento. Le “verdure di mare” sono infatti un alimento bilanciato che fornisce proteine, vitamine (in particolare del gruppo B, ma anche C ed E), clorofilla, fosforo, calcio, magnesio e soprattutto iodio, l’indispensabile “carburante” della tiroide.

Tra i loro nutrienti spicca l’acido alginico, sostanza che cattura i metalli tossici presenti nell’organismo e ne facilita l’espulsione. Ne è ricca soprattutto l’alga Kombu, o “laminaria”, jolly della cucina macrobiotica. Detta anche Kelp, è fortemente depurativa e, grazie alle sue mucillagini, prolunga il senso di sazietà: in polvere o fogli, insaporisce il riso bianco e il brodo e, aggiunta all’acqua di cottura dei legumi, li arricchisce di minerali, ne ammorbidisce la buccia e li rende più digeribili.

Le alghe Hijiki, invece, si presentano come filamenti da ammollare in acqua: sono una miniera di calcio biodisponibile e sono perfette nelle insalate, in cui possono sostituire il sale, come condimento per gli spaghetti di soba o saltate con tahina (pasta di sesamo) e semi di girasole tostati. Simili nell’utilizzo, e tra le più diffuse, le Wakame che, tostate e sbriciolate si sposano bene al riso, soprattutto integrale.

Alghe, non solo Oriente

Le alghe secche, tipiche soprattutto della cucina giapponese, si usano dopo averle reidratate in acqua e succo di limone, che ne smorza l’aroma salmastro. In polvere o fiocchi conservano un gusto spiccato e sono un’alternativa al sale iodato. Non solo in Oriente: le alghe sono raccolte e utilizzate anche nei paesi europei che si affacciano sull’Atlantico, sul Mare del Nord e sul Mediterraneo. Compaiono, per esempio, in frittelle tradizionali di Sicilia e Puglia e in alcuni sughi alla marinara, dove esaltano la dolcezza del pomodoro.

Alternative salutari

La Nori, l’alga che avvolge il sushi, ha un significativo contenuto in proteine. Tagliata a strisce e abbrustolita permette di ottenere snack croccanti, sani sostituti delle chips. Esiste anche in fiocchi, da spolverizzare sui sughi vegetali, ai quali regala un delicato sentore di mare. La Dulse è una generosa fonte di ferro: dal gusto lievemente piccante, sminuzzata si cosparge sulle verdure alla piastra ed è ottima nei passati, in sostituzione del dado.

testi di testi di Amelia Bertottili

TAG: #alghe#come cucinare#vegano#vegetariano#verdure di mare

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.