Frutta e verdura ai bambini. Come fare?

Frutta e verdura ai bambini. Come fare?

I bambini in età prescolare e scolare sono i soggetti fisicamente più vulnerabili ed esposti ai potenziali rischi di un’alimentazione scorretta in termini di quantità e qualità. Mangiare bene, significa crescere bene

Pinterest
stampa
Sale&Pepe

Per vivere sani è importante mangiare bene, e questo lo si impara fin da piccoli.
Il pranzo a scuola costituisce un’importante opportunità per sviluppare delle sane abitudini alimentari che si apprendono prima di tutto in casa. Pasti scolastici ben equilibrati sono stati collegati ad un aumento della concentrazione in classe, migliori risultati scolastici e a pochi giorni di malattia.

I genitori sempre più incoraggiati a partecipare alle politiche delle mense, il crescente utilizzo di alimenti biologici, l’inserimento di piatti multietnici, sono solo alcune delle crescenti attenzioni verso i pasti che i nostri figli consumano a scuola. Il momento del pranzo, deve essere parte integrante dell’approccio scolastico per promuovere una vita salutare.


Da una ricerca condotta negli Stati Uniti e pubblicata sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics, è dimostrato che il tempo sia direttamente proporzionale alla qualità e alla buon successo del pasto. È fondamentale che i bambini abbiano tempo sufficiente per apprezzare il cibo e per interessarsi anche a quelle pietanze che solitamente ritengono meno accattivanti: frutta e verdura.

Ecco alcuni suggerimenti per stimolare i bambini a mangiare frutta e verdura.

1. Una buona abitudine è quella iniziare il pasto con il contorno. Quando hanno più fame, sono più predisposti ad apprezzare cibi nuovi e vegetali.

2. Come dicevamo, il tempo è fondamentale. Mangiare in fretta non solo porta i bimbi a lasciare nel piatto la verdura e a rinunciare alla frutta, ha anche un altro aspetto negativo: riduce il senso di sazietà.

3. Per abituarli ai nuovi gusti bisogna tenere duro. C’è bisogno di 10-15 tentativi in breve tempo, affinchè il bambino si abitui ai sapori nuovi. È più che normale il rifiuto al primo assaggio.

4. Il buon esempio dei genitori invoglia i più piccoli all’emulazione. Se mamma e papà consumano abitualmente verdura, sarà più semplice che rientri nell’abitudine alimentare dei figli.

5. Coinvolgerli nella preparazione dei piatti, li fa sentire importanti, partecipi e più curiosi del risultato.

6. Giocare con i colori della frutta e sfruttarli per creare una bella presentazione del piatto, stimola la fantasia e rende il tutto più appetitoso.


7. Servire un piatto unico con la verdura accanto a qualcosa che i bambini amano molto, come patate, pasta o riso, invoglia al nuovo assaggio.

8. Non è necessario sfinire i bimbi perché affrontino piattoni di odiatissimi spinaci o inquietanti insalatone. Bastano pochi assaggi e piccole quantità.

Francesca Santambrogio
20 ottobre 2015

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it