Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

La cucina d’autore festeggia il Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG

La cucina d'autore festeggia il Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG

Quattro chef stellati e quattro ristoranti per celebrare con cene d’autore i 50 anni della Denominazione Prosecco DOCG al Conegliano Valdobbiadene Festival

Pinterest
stampa
Paesaggio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco candidato a Patrimonio Unesco_photo credits Arcangelo Piai_LOW
Sale&Pepe

La grande cucina d'autore dà appuntamento in Veneto per celebrare al Conegliano Valdobbiadene Festival un compleanno importante: i 50 anni della Denominazione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG

174484Dal 7 al 29 maggio quattro ristoranti del territorio ospitano nelle loro cucine quattro chef stellati, dando vita a quattro imperdibili serate di Cucina d’Autore promosse dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco DOCG, in collaborazione con l’Associazione Ambasciatori del Gusto e l’Associazione Nazionale Sommelier. A cimentarsi nella creazione di piatti che valorizzino la tradizione enologica del Prosecco Superiore quattro nomi di rilievo della scena gastronomica italiana: Carlo Cracco che dà il via agli appuntamenti il 7 maggio al Ristorante da Gigetto a Miane, Moreno Cedroni il 16 maggio a Ca’ del Poggio di San Pietro di Feletto, Cristina Bowerman il 23 maggio presso La Corte di Follina e a chiudere l'iniziativa Simone Padoan, che il 29 maggio è alla Locanda da Lino a Solighetto. Per scoprire il menù delle serate e prenotare è necessario contattare i singoli ristoranti.

Durante tutti i fine settimana di Maggio, inoltre, per A Tavola con il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG è possibile gustare nei ristoranti dei 15 comuni della Denominazione un piatto speciale dedicato al Cinquantesimo in abbinamento al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG.

Un binomio insolito è quello che viene proposto il 19 maggio durante la Rassegna del Prosecco Superiore al Castello San Salvatore a Susegana: la “Bomba” di Niko Romito, street food d'autore, proposto in abbinamento al Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore.

In calendario per tutto il mese di maggio tanti appuntamenti che raccontano il Prosecco in tutti i suoi aspetti, per scoprire le sfaccettature di un'eccellenza italiana.

Abbiamo solleticato il vostro palato? Provate a cimentarvi con il Filetto di vitella con vignarola e porro bruciato, un piatto ideato dalla chef Cristina Bowerman e proposto in abbinamento a un Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Brut. 

174475Filetto di vitella con vignarola e porro bruciato
ricetta: Cristina Bowerman
credits photo: Beatrice Pilotto

Ingredienti per 4 persone

  • 100 g a porzione (peso netto)
  • 1/4 carciofo per porzione
  • 120 g sale
  • 60 g di zucchero
  • 400 g di fave e 400 g di piselli
  • 1 porro (grande)
  • 100 g di spinacino in totale
  • olio di arachidi qb

Per ogni kg di carne, sciogliere 120 g di sale e 60 g di zucchero in 2 lt di acqua. Lasciare il filetto a marinare per circa 24 ore.
Tirare fuori dal brain e asciugare e con la pellicola formare dei salsicciotti. Mettere sotto vuoto e cuocere in roner a 58,9° per circa un’ora. La cottura può variare a seconda del diametro del filetto.

Per la vignarola

Rosolare una cipolla aggiungere i piselli coprire con del brodo e portare a cottura. Finita la cottura aggiungere 100 g di spinacino e frullare. Aggiustare di sale e passare al setaccio.

Sbucciare dal baccello le fave e sbollentarle per alcuni secondi in acqua bollente. Raffreddare in acqua e ghiaccio e privarle della buccia esterna.

Pulire i carciofi, tagliarli julienne e friggerli in olio di arachide fino a doratura. Lavare i porri e sfogliarli. Condirli con un filo di olio, stendere in una placca e infornare a 180° per circa un'ora e mezza.
Una volta che i porri si sono bruciati bene sfornare e frullarli. Passare la polvere al setaccio e conservare.
Una volta scottato il filetto passarlo nella polvere di porro e servire.

Claudia Minnella
maggio 2019


SCOPRI I CORSI DI CUCINA DI SALE&PEPE

Pubblicato il 03/05/2019

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it