Purè di patate da applauso (se evitate questi 8 errori)

Purè di patate da applauso (se evitate questi 8 errori)

È uno dei comfort food più diffusi e amati in assoluto: lo incontriamo durante l’infanzia e lo apprezziamo molto anche in età adulta. Morbido, cremoso, denso, questo contorno semplice e gustoso si sposa bene con stufati, carne e verdure in umido, brasati, arrosti con il sugo…purché sia fatto senza errori!

Pinterest
stampa
PUREA PERFETTA
Sale&Pepe

Ideale accompagnamento di piatti ricchi di intingoli o sughi, il purè di patate - golosità molto amata da grandi e piccoli - è ottimo anche da solo. Parliamo però di quello rigorosamente fatto in casa: consistenza e gusto sono totalmente differenti dai purè in fiocchi o quello in busta, e il procedimento è semplice. Ma per evitare di ritrovarsi con un purè pieno di grumi, colloso, troppo freddo o troppo… blando, basta evitare questi comuni errori:

 

1_Non utilizzare le patate giuste

Quelle adatte alla preparazione del purè sono a pasta bianca: sono a buccia spessa e più ricche di amido rispetto a quelle a pasta gialla e novelle che, una volta cotte, risulterebbero troppo “collose o cerose”; bene anche le patate vecchie, purché siano farinose.

In Liguria si produce la Quarantina bianca la più nota, per bontà e diffusione, tra le patate tradizionali della montagna genovese.

A pasta bianca trovate anche le apprezzate Cardinal e Tonda di Napoli, italiane, e la Kennebec di origine statunitense: sono tutte particolarmente indicate per preparare, oltre al purè, gnocchi, soufflé, crocchette, ripieni e composti soffici in genere.

 

2_Non lavarle bene

Anche se le cuocete con la buccia, lavatele sempre prima, strofinandole con uno spazzolino per eliminare bene l’eventuale terriccio.

 

3_Partire “a caldo”

Per una cottura ottimale, bisogna che nella pentola il cibo raggiunga la stessa temperatura nello stesso momento. Invece di tuffare le vostre patate - è meglio lasciarle intere e con la buccia, in modo che non assorbano troppa acqua - in acqua già bollente, mettetele ben lavate nella casseruola, copritele con acqua fredda e poi accendete il fuoco.

 

4_Salare l’acqua

Il sale non sarà assorbito durante la cottura perché la buccia non lo permetterà. Lessate le patate, quindi, partendo da acqua fredda per 40 minuti circa dal punto di bollore: saranno cotte quando, infilando al centro un coltello, lo estrarrete facilmente.

 

5_Cuocerle in modo troppo aggressivo

Le patate, se lessate in acqua tenuta sempre al massimo del bollore, potranno rompersi o incrinarsi, con il risultato di assorbire troppa acqua e sfaldarsi. Una volta raggiunto il punto di bollore, abbassate il fuoco lasciandole sobbollire lentamente. In questo modo rimarranno intatte e cuoceranno in modo uniforme.

Potete anche cuocerle a vapore: non saranno immerse in acqua, quindi potete sbucciarle prima e tagliarle a pezzi regolari per una cottura più veloce e uniforme (in questo caso, cuoceranno per circa 20 minuti).

 

6_Non sbucciarle e passarle subito, ancora molto calde

Quando sono cotte, le patate vanno scolate subito e pelate molto rapidamente: è importante che siano ancora calde quando, dopo averle tagliate a pezzi, le passerete nello schiacciapatate.

Una nota sullo strumento da usare: lo schiacciapatate classico è composto da un pistone che preme la patata all'interno di un cilindro con il fondo bucherellato, facendo uscire il composto passato sotto forma di “spaghetto” (alcuni modelli sono dotati di ulteriori fori laterali che rendono l'operazione più agevole). Altri ancora hanno trafile intercambiabili, per lavorare al meglio ingredienti di diversa consistenza e forma. Se non avete uno schiacciapatate potete usare un passaverdure o, al limite, potete schiacciarle con la forchetta, come facevano le nonne. Non utilizzate mai il mixer: le patate frullate perderebbero l'amido (che le rende farinose) e il purè che ne risulterebbe sarebbe colloso.

Una volta passate, fatele cadere nella stessa pentola in cui le avete lessate: sarà ancora calda. Tenete il fuoco molto basso e mescolate il composto di patate per un minuto. Dopo un minuto aggiungete il burro continuando a mescolare, nel frattempo fate scaldare il latte (preferibilmente intero e fresco).

 

7_Usare latte freddo e burro caldo

Se versate del latte freddo di frigorifero sulle patate passate calde le raffredderete, rovinando il vostro precedente lavoro: scaldate il latte in un pentolino prima di incorporarlo nel composto di patate.

Il burro, invece, non va scaldato perché le particelle solide contenute nel latte si separerebbero dai grassi.

Aggiungere il burro freddo al composto, consentirà al burro di sciogliersi in modo omogeneo e di distribuire nel purè solidi del latte e grassi uniformemente.

Le proporzioni tra burro, patate e latte consistono generalmente in 120 g di burro e 300 ml di latte per 1 kg di patate, ma possono variare a seconda della consistenza che volete ottenere.

 

8_”Correggere” la densità del purè con acqua

Quando avrete incorporato completamente il burro freddo alle patate, aggiungete poco per volta il latte caldo, continuando a mescolare con una frusta a mano, finché la consistenza non sarà quella voluta. L’uso della frusta, e non di un cucchiaio di legno, incorporerà aria nel purè rendendolo soffice.

Se il purè vi sembra troppo denso, per portarlo alla giusta densità non usate mai acqua ma solo latte caldo: al contatto con la caseina del latte l’amido, una delle componenti principali della patata, renderà il purè di patate un composto vellutato e compatto, che raggiungerà consistenza e gusto perfetti grazie ai grassi del burro.

A fine cottura, spegnete il fuoco e aggiungete un pizzico di sale e, a piacere, una grattata di noce moscata.

I golosoni che vogliono un purè più ricco, possono sostituire una parte di latte con panna fresca; altri preferiscono arricchirlo aggiungendo cubetti di prosciutto cotto o Praga e formaggio grattugiato.

Comunque sia, il vostro meraviglioso purè è pronto all’assaggio.

 

Francesca Tagliabue
febbraio 2017

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it