Cime di rapa, quali sono e come si cucinano?

Cime di rapa, quali sono e come si cucinano?

Nelle loro diverse ‘patrie’ italiche sono chiamate con nomi diversi; ovunque hanno le stesse guardie del corpo: aglio e peperoncino. Ma anche altri potenti alleati…

Pinterest
stampa
cime di rapa
Sale&Pepe

L’associazione mentale con la Puglia è praticamente automatica. D’altra parte le cime di rapa – o broccoli di rapa – dove crescono meglio che nel barese, e in particolare ad Altamura, oppure a Fasano (Brindisi) o a Martina Franca (Taranto)? Sono semplicemente irrinunciabili e associarli unicamente alle pur meritorie orecchiette risulta davvero riduttivo. Ma prima di dedicarci  alla pura gastronomia, approfondiamo qualche altro aspetto di questo ortaggio.

Intanto precisiamo: le cime di rapa si coltivano molto anche in Lazio (dove generalmente vengono chiamate ‘broccoletti’) e in Campania: nella cucina napoletana costituiscono l’ingrediente più caratteristico di alcune ricette tipiche e sono noti sotto le spoglie di friarielli, da non confondersi con gli omonimi peperoni verdi nani.

Accettiamo una verità: le cime di rapa non sono pugliesi. Nemmeno napoletane né italiane. E nemmeno mediterranee. Vengono dall’Oriente, e pare siano arrivate in Europa grazie ai Genovesi. Condividono le caratteristiche salutistiche di molte loro parenti della famiglia delle Brassicacee, dunque cavoli e rape; vale la pena di citare almeno le proprietà rimineralizzanti e antiossidanti.

Come scegliere le migliori? Le infiorescenze devono essere chiuse e non tendenti al giallo; le foglie, che si mangiano – soprattutto le più tenere – devono essere verde brillante e non appassite; infine gli steli è bene siano sottili e comunque sodi.

Passiamo ora alle ricette, per esaltare al meglio il loro gusto unico, vagamente e deliziosamente piccantino e pacatamente amarognolo.  E partiamo dalla più nota: le orecchiette, ovviamente, solo per dire che oltre al nostro ortaggio protagonista il condimento  può prevedere con successo l’aggiunta di acciughe salate oppure di lardo con cotenna, tagliato a tocchetti, da aggiungere al soffritto.

Le cime i rapa fanno stupendo piatto di verdura a sé: stufate con gli immancabili aglio e peperoncino, oppure soffritte in medesima compagnia ma aggiungendo pi aceto e vino bianco in abbondanza (‘Rape nfucate e piccantute’).

Con carne e pesce gli abbinamenti classici sono con il baccalà – in rosso – e con la salsiccia: nella cucina napoletana quest’ultima è una coppia amatissima, anche in versione da strada, ossia come imbottitura di panini, oppure nella ghiotta e iconica ‘pizza alla carrettiera’, o più semplicemente pizza con i friarielli. Una fama che si ripete anche in Toscana, più precisamente nella provincia di Lucca, dove le cime di rapa diventano rapini.

Carola Traverso Saibante
gennaio 2018

Condividi

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it