Come fare la vellutata di zucca

vellutata di zucca
Sale&Pepe

La vellutata di zucca è una minestra dall'aspetto cremoso ottenuta passando la zucca cotta. La zucca matura a fine estate, ma si può gustare tutto l'inverno. Ortaggio dalle infinite forme e colori, conta più di 900 varietà. Per ottenere una buona vellutata di zucca, scegli zucche sode, farinose e poco fibrose.
In commercio esistono zucche di varie forme: oblunghe, rotonde o schiacciate ai poli, con la superficie liscia, costoluta o bitorzoluta. Acquista, preferibilmente, zucca di Chioggia (fra le migliori) o zucca piacentina o mantovana, verificando che sia ben matura. Ricorda che, mentre la zucca intera si conserva per settimane, quella tagliata deve essere consumata entro pochi giorni. 

Se non trovi la zucca già pulita e affettata (in vendita in confezioni sigillate), prima di frullarla riducila in spicchi non troppo grossi, elimina semi e fibre e quindi la scorza con la parte bianca attaccata.
Se la zucca ti provoca gonfiore, invece del mixer, usa un passaverdure per passare la polpa: in questo modo si riduce il contenuto di fibre, che, altrimenti, rallentano la digestione.

Con le ricette di Sale&Pepe porta in tavola le migliori vellutate di zucca.

Il brodo da unire alla zucca per preparare la vellutata di zucca

Utilizza, preferibilmente, brodo vegetale, anche di dado. In commercio esistono dadi vegetali biologici, da acquistare nelle erboristerie e nei supermercati più forniti. Puoi preparare il brodo vegetale in casa, cuocendo cipolla, sedano e carota con un mazzetto guarnito (timo, prezzemolo, alloro, ecc.) in abbondante acqua fredda. Filtralo. Se vuoi, surgelalo in vasetti di vetro o nelle vaschette del ghiaccio. Usalo dopo averlo scongelato.

Come rinnovare il gusto della tua vellutata di zucca

Se ti piace variare, prova a diluire la crema di zucca con una maggiore quantità di brodo. Aggiungi quindi poco riso o cous cous precotto e portali a cottura: otterrai primi piatti ricchi e nutrienti. Puoi anche aromatizzare la crema con 1 pizzico di curry in polvere. Per trasformarla, invece, in una salsa, falla restringere a fuoco basso: la potrai utilizzare per farcire verdure da gratinare al forno, per accompagnare sformatini di verdure o come crema, per intingere crostini e gallette.

Condividi


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it