Sale&Pepe, in edicola il numero di gennaio

Sale&Pepe, in edicola il numero di gennaio

Dal 20 dicembre è disponibile la nuova edizione di Sale&Pepe ricca di idee per ben finire e iniziare l’anno. Dal dolce sardo che si spezza in testa fino alle lenticchie che diventano eleganti. Riti beneagurali e tradizioni rivisitate per un magico Capodanno

Pinterest
stampa
cover-gennaio2015
Sale&Pepe

49391Antefatto. Mi capita per le mani un vecchio numero della rivista Gambero Rosso e l’occhio cade su un articolo dedicato a una pasticceria sarda che produce come una volta un dolce, ma sarebbe meglio dire un pane ripieno, che veniva offerto la notte di Capodanno come buon auspicio. Il pane si chiama su càpude ( e si pronuncia su càbude) e l’idea di ritrovarne la ricetta mi stuzzica, è un peccato perdere tradizioni che fanno parte del nostro passato.

Mi metto alla ricerca. La proprietaria della pasticceria Corveddu di Nughedu di San Nicolò ci tiene alla sua ricetta che custodisce gelosamente, non è pronta a rivelarla, ma è prodiga di consigli. A questo punto gli attori della commedia aumentano: la redazione e una serie infinita di nonne e nonnine di mezza Sardegna trovate per passaparola. Tutti alla ricerca del su càpude. Sono testarda, lo so, ma ne è valsa la pena.

Epilogo. La ricetta è stata trovata nell’archivio del Museo Demoetnoantropologico Francesco Bande di Sassari, grazie alla complicità di Enoria Bande, la direttrice, e di sua mamma Bastianina, che sapeva dove cercare (proprio quella famiglia Bande nota nel mondo per la diffusione della musica sarda). E insieme alla ricetta un fiume d’informazioni.

Il su càpude, tipico della provincia sassarese, esisteva già in epoca precristiana, quando il Capodanno coincideva con l’inizio dell’anno agrario a settembre. Anticamente era preparato impastando semola fine con pasta madre, acqua e sale, e in seguito confezionato in versione dolce con un guscio simile a quello delle seadas (semola, strutto, acqua) ripieno di sapa, miele e mandorle.

Non mancava mai a Capodanno nelle famiglie di pastori e contadini e, secondo il rito propiziatorio, il capofamiglia spezzava il pane prima sulla testa della persona più anziana e poi su quella della più giovane. Ritrovarlo è stato un piacere, così come assaggiarlo nella nostra cucina prima di fotografarlo. La redazione si è divertita a ripetere il rito, prima sulla mia testa (la più anziana) e poi su quella del redattore più giovane. Speriamo funzioni. Ve lo saprò dire.

di Laura Maragliano

74155Oltre al su càpude, su Sale&Pepe in edicola dal 20 dicembre potrete trovare:

SOUFFLÉ: uova, aria e bravura per un capolavoro d'alta cucina
SUGHI DI CROSTACEI: condimenti sontuosi
ANATRA: sei squisite interpretazioni
DELIZIE NEL BICCHIERE: morbide creme golose

Il numero di Febbraio sarà in edicola dal 21 gennaio 2015.

Leggi il numero di dicembre di Sale&Pepe

la ricetta del direttore

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it