L’odore della cipolla difende lo stomaco

L’odore della cipolla difende lo stomaco

Secondo uno studio italiano le cipolle, ma anche l’aglio, riducono sensibilmente il rischio di cancro allo stomaco

Pinterest
stampa
Red onion
Sale&Pepe

La cipolla fa bene. Lo ha stabilito uno studio dei ricercatori dell’Istituto Mario Negri dell’Università di Milano, pubblicato sulla rivista scientifica tedesca Molecular Nutrition  & Food Research.

Gli scienziati hanno messo a confronto le abitudini alimentari di 230 pazienti a cui era stato diagnosticato un tumore allo stomaco con 547 persone senza questa patologia. Il risultato è stato sorprendente. Chi consuma almeno due porzioni di cipolle alla settimana, circa 100 grammi, ha il 40% di probabilità in meno di ammalarsi, rispetto a chi non se ne ciba. Mentre 1 spicchio d’aglio al giorno riduce il rischio di oltre il 30%.

Ma qual è il meccanismo che permette a cipolle e aglio di svolgere questa importante funzione? Pare che sia legato alla loro caratteristica meno apprezzata: l’odore pungente. 

Secondo i ricercatori a svolgere l’azione protettiva sono gli “organo solforati” presenti nei due ortaggi, proprio quelli che sono responsabili della loro “puzza”. È provato che gli “organo solforati” inibiscono la proliferazione cellulare cancerogena  e l’attività antibatterica, in modo particolare nei riguardi dell’Helicobacter pilori, principale causa del tumore dello stomaco.

Questo meccanismo è favorito nelle cipolle anche della quercetina, un flavonoide dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, presente in maggiore quantità nelle cipolle rosse. La sostanza ha anche dimostrato un’importante azione di protezione cardiovascolare.

Quindi una cipolla rossa, dal sapore e dall’odore più intenso, sarà l‘ortaggio che darà maggiori benefici al nostro organismo.

E come consumarla per assumere al meglio i suoi principi attivi? Cruda, perché la cottura  riduce sensibilmente la quantità di “organo solforati” e flavonoidi.

È la rivincita di cipolla e aglio,  due alimenti da sempre bistrattati per gli effetti che provocano all’alito di chi se ne ciba e che fa storcere il naso ai più raffinati.  Ma se basta una cipolla alla settimana per prevenire un tumore, non è necessario cibarsene prima di un appuntamento romantico o di lavoro. Come qualsiasi altro “medicinale” assumiamolo in modo discreto, senza…ostentarlo. Poi spazzolino e dentifricio o, al limite, un paio di mentine cancelleranno ogni prova.

Mauro Cominelli
2 dicembre 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it