7 luoghi comuni sulla coca-cola. Vero o falso?

7 luoghi comuni sulla coca-cola. Vero o falso?

Pinterest
stampa
coca_cola
Sale&Pepe

Ecco la verità su alcune delle voci più folli che circondano la ricetta del soft drink. Creato nel 1886 ad Atlanta, in Georgia, dal farmacista John Pemberton con una formula che ancora oggi rimane segreta, cresce il successo planetario e i “rumors” sulla Coca-Cola. 

-Contiene estratto di carne di maiale

FALSO: Il sito ufficiale della società definisce la Coca-Cola come bevanda vegan-friendly. Il falso mito nasce dal fatto che versandola sulla carne di maiale può fare "vermi". Questa notizia è stata smentita da  Snopes.

-Afrodisiaca = Coca-Cola + Glutammato monopodico (MSG) 

FALSO: Voci sostengono che Coca-Cola abbia aggiunto MSG alla ricetta segreta per creare un afrodisiaco. Prontamente smentito dalla società, che sostiene: “l’esaltatore di sapidità non è nella bevanda e la Coca-Cola non è in alcun modo afrodisiaca”. 

-La Coca-Cola contiene colorante derivante da insetti

FALSO: secondo la società il colorante alimentare rosso (derivato dalla cocciniglia, insetto)  non è presente nella Coca-Cola. Tuttavia, questo colorante è comunemente usato negli alimenti come carne, marmellate e prodotti da forno in generale, indicato come estratto di cocciniglia.

Il nome della Coca-Cola deriva dall’uso di cocaina

VERO: Oggi la bevanda non contiene cocaina, ma fino al 1903 era presente nella Coca-Cola e tracce di droghe illegali nella sua ricetta esistevano ancora fino al 1929.

-Coca-Cola ha acidi che dissolvono i denti

NI: contiene acido citrico e acido fosforico, che possono comportare danni allo smalto nel lungo termine.

La Coca-Cola può aiutare a pulire la casa

NI: gli acidi contenuti possono rimuovere lo sporco ma lasciano un residuo zuccherino e appiccicoso dovuto allo zucchero presente nella bevanda.

-La Coca-Cola contiene alcol

NI: la Coca-Cola è ufficialmente una bevanda non alcolica. E’ stata creata appositamente per essere un soft drink durante il “movimento della temperanza”, una campagna politica che sosteneva l'astinenza da alcol. Tuttavia, una ricerca del National Institute of Consumption di Parigi, ha rivelato la presenza dello 0,001% di alcol al litro in molte soda popolari, tra cui la Coca-Cola considerati accettabili dai governi.

 
Di Diego Stadiotti

Fonte: HuffPostFood

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it