Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Miele, una guida per l’acquisto

Miele, una guida per l'acquisto

In commercio si trovano tanti tipi di miele. Leggendo l’etichetta e osservando colore, consistenza e aspetto del prodotto si possono ottenere informazioni preziose su qualità, freschezza, provenienza e metodo di lavorazione

Pinterest
stampa
shutterstock_263002952
Sale&Pepe

D’acacia, millefiori, di eucalipto, oppure di girasole, corbezzolo, tiglio, castagno o agli agrumi. Sono tante le varietà di miele disponibili sugli scaffali dei negozi e non sempre è facile scegliere. Anche perché, oltre ai fiori da cui deriva, che influiscono quasi esclusivamente su colore e sapore, ci sono tante altre variabili a determinare la qualità: lavorazione artigianale o industriale, biologico o convenzionale. E poi come valutare la freschezza del prodotto e qual è il giusto prezzo? Ecco una breve e semplice guida per acquistare il miele giusto.

Cosa ci dice l’etichetta
Il miele è prodotto a partire dal nettare dei fiori o dalla melata (una linfa zuccherina presente sulle gemme o sulle foglie di alcune essenze arboree), che le api domestiche raccolgono e trasformano. Se il miele proviene principalmente da un’unica origine botanica che lo determina nella composizione e nelle caratteristiche organolettiche (come profumo e sapore), allora è venduto come monofloreale (ad esempio, “miele di tiglio” o “miele d’acacia”). Se è ottenuto dalla melata, sulle confezioni c’è scritto “miele di melata” o “miele di bosco”. Invece “millefiori” significa che non è stato possibile individuare con precisione l’origine botanica.
Poi bisogna fare attenzione al termine di consumo: una specie di “data di scadenza” che va indicata per legge sulle confezioni. Il miele dura da 18 a 24 mesi, dopo comincia a perdere le sue qualità.
In Italia si produce meno miele di quello che si consuma, quindi una quota è importata, in gran parte da Paesi dell’Ue. Sull’etichetta si può leggere l’indicazione della provenienza: “miele italiano”, oppure “miscela di mieli originari della Ce” o ancora “miscela di mieli non originari (o extra) Ce” e “miscela di mieli originari Ce e non originari Ce”.

Il vasetto, colore e consistenza
Il miele può essere venduto solo in contenitori chiusi ermeticamente, per evitare alterazioni. Per essere sicuri meglio scegliere i vasetti dotati di sigillo di garanzia, che tutelano da ogni eventuale manipolazione. Fare attenzione ai mieli che presentano la parte liquida separata da quella solida, oppure schiumosi, o con evidenti bolle di gas. Sono indicatori del fatto che il prodotto ha fermentato perché è stato estratto dall’alveare quando ancora non era del tutto maturo, oppure conteneva troppa acqua. Mangiare un miele fermentato non è dannoso per la salute, è solo sgradevole per il palato.

Biologico o convenzionale?
I test condotti da alcune associazioni di consumatori (come Altroconsumo) non hanno trovato differenze nutrizionali tra miele biologico e convenzionale. La differenza è nei processi produttivi: per il miele bio le arnie devono essere lontano da zone inquinate e preferibilmente su terreni coltivati con tecniche a basso impatto ambientale. Nell’apicoltura convenzionale sono ammessi prodotti chimici di sintesi mentre chi pratica apicoltura biologica può usare solo acidi organici e oli essenziali naturali. Ma i residui di prodotti chimici presenti nei mieli convenzionali, sono considerati insignificanti.

Artigianale o industriale?
Il miele artigianale è espressione del territorio in cui è prodotto, a cui è fortemente legato e da cui prende il sapore e i profumi. Ha il pregio di non essere sottoposto a trattamenti invasivi come la pastorizzazione, quindi è più genuino ed esprime tutta la biodiversità. Ma bisogna fare attenzione a scegliere l’apicoltore giusto e che osservi le norme di igiene e sicurezza alimentare.
Il miele industriale offre garanzie in termini di sicurezza e igiene e non risente delle variazioni stagionali perché in genere è una miscela di mieli diversi scelti per garantire sempre le stesse caratteristiche di colore, consistenza e sapore.

Manuela Soressi
settembre 2016

Pubblicato il 21/09/2016

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it