Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Home News e Eventi Consigli pratici Carne fredda: il secondo per l’estate

Carne fredda: il secondo per l’estate

Arrosti, rollé, polli allo spiedo si servono anche a temperatura ambiente. Si accompagnano con salsine gustose e verdure fresche. E se avanzano finiscono nel sandwich

Pinterest
stampa
carni-fredde
Sale&Pepe

Il secondo perfetto per la stagione calda? Una carne fredda! Soluzione pratica da preparare in anticipo e avere pronta per tante occasioni. Infatti, questo genere di piatti sono l’ideale per un pranzo veloce o una cena in terrazzo con gli amici. E, se siete invitati a un party dove ognuno porta qualcosa, sono perfetti persino da asporto.

Le regole d’oro
Non stiamo parlando di carni crude, come carpacci e tartare, ma cotte, lasciate raffreddare e servite a temperatura ambiente. Questo significa che se, tra preparazione e servizio, vengono tenute in frigorifero, devono essere tolte un po’ prima perché troppo fredde rischiano di risultare un po’ stoppose. Durante il raffreddamento, i pezzi interi da affettare si possono coprire con una tavoletta di legno o un piccolo tagliere su cui mettere un peso: così, si compattano e restano in forma, risultando più facili da tagliare. Naturalmente, la carne si affetta quando è completamente fredda. Carni come il petto di pollo o la fesa di tacchino si lasciano raffreddare al naturale, poi si sfilacciano con le mani: la consistenza irregolare renderà il piatto finito più piacevole. Altrettanto si può fare con il bollito e con il coniglio. Un consiglio: eliminate l’eventuale grasso esterno solo a fine cottura perché contribuirà a mantenere la polpa più morbida.

Quali cotture per quali carni
Purtroppo, nonostante il caldo, per la carne dai fornelli non si scappa. Si possono tuttavia scegliere tagli dalla cottura veloce. Fra i pezzi interi da arrostire in casseruola, e buoni anche “al rosa”, c’è il filetto di maiale: dal diametro non troppo spesso, dopo una rosolatura iniziale sarà pronto in circa 15-18 minuti. Fra l’altro, in questo modo resterà anche più succoso e morbido. La tendenza, se vi piace, è di tenere leggermente al sangue anche il vitello tonnato, grande classico insieme al roast beef di manzo. Abbiamo accennato al bollito: i tagli più adatti da servire freddi sono lingua, scamone, girello. Per velocizzare i tempi, una buona idea può essere l’utilizzo della pentola a pressione. Sono indicati gli arrosti arrotolati perché in genere la carne è in una fetta sottile e i ripieni, come verdure, spume o frittate, sono già cotti: così, i tempi non sono mai troppo lunghi. Ancora più rapidi gli involtini, che si possono servire a rondelle: da posare su un letto di insalata o da allineare in una pirofila e coprire di gelatina.

Le portate in gelatina
La gelatina, per altro, è perfetta tutti le carni sfilacciate di cui abbiamo parlato. Potete mescolare le striscioline di pollame, coniglio o bollito con rondelle di carote, pisellini e fagiolini lessati, mais dolce, dadini di prosciutto cotto e così via. Questo tipo di preparazioni si possono montare in terrine, stampi da plum cake o da budino, poi sformare per aspic scenografici. Ma potete scegliere anche una semplice teglia, da usare direttamente come recipiente di servizio.

E poi ci sono gli avanzi!
Ogni genere di carne arrostita o lessata, servita calda la sera prima, se avanza il giorno dopo può diventare protagonista di un piatto freddo. Vale sempre la regola di affettare sottili i tagli interi. Per il pollo allo spiedo, eliminate pelle e ossi, dividete la polpa a grosse scaglie e avrete la base per insalate e panini gustosi.

Salsine golose
Nonostante tutti gli accorgimenti (cotture rapide, temperatura ambiente di servizio) le carni fredde risultano spesso un po’ asciutte. Così, è naturale che “chiamino” una salsa. Potete stare sul tradizionale con senape, maionese, salsa tartara o salsa verde. Se volete arricchire il condimento con una salsa pronta, legatela con un filo d’olio e poco yogurt e completate con succo di limone o lime. Oppure, preparate salse ad hoc. Eccovi un paio di proposte.
Di ceci e olive. Frullate 400 g di ceci in scatola, ben scolati, con un cucchiaio di capperi dissalati, 2-3 cucchiai di acqua o brodo, il succo di un limone, una dozzina di olive nere e una di olive verdi snocciolate, un cucchiaino di semi di sesamo, pepe e mezzo dl di olio versato a filo. Guarnite con un peperoncino verde dolce tritato.
Agrodolce alle spezie. Tagliate a dadini minuscoli un pomodoro, un mango e una fetta di ananas. Mescolateli con scorza grattugiata e succo di un lime, un peperoncino piccante a rondelle, un ciuffo di prezzemolo tritato e un cipollotto a fettine. Condite con olio e sale.

Ricette versatili
Il bello delle carni fredde è che, se avanzano, possono essere riciclate con fantasia. Le fettine possono farcire sandwich e tramezzini, i bocconcini più piccoli arricchire un’insalata mista. Ecco allora qualche ricetta da sperimentare, sia al piatto che in insalata o nel panino.
187696Vitello variegato. Tagliate a bastoncini lunghi una zucchina, mezzo peperone rosso e una fetta spessa di prosciutto di Praga. Passateli in un trito di timo, rosmarino e una punta d’aglio. Con un coltellino affilato, forate in più punti un pezzo da un chilo di lombata o di sottofesa di vitello. Infilate nei forti gli ortaggi e il prosciutto. Legate la carne, rosolatela in una casseruola con un filo d’olio, con mezzo bicchiere di brodo leggero e cuocete coperto, a fuoco dolce, per circa un’ora. Sgocciolate la carne dal fondo e fatela raffreddare sotto a un peso (per 6-8 persone).
187697Rollé ripieno al tonno. Frullate nel mixer 400 g di tonno sott’olio con 2 cucchiai di capperi dissalati, 100 g di concentrato di pomodoro, peperoncino e origano secco. Unite un tuorlo e 2 cucchiai di pangrattato. Battete una fetta di fesa di tacchino da circa 600 g tra due fogli di carta da forno, spalmatela con il ripieno, arrotolatela e legatela con qualche giro di spago. Rosolate il rotolo in una casseruola con un filo d’olio, unite una cipolla tritata, fate appassire, sfumate con vino bianco, salate, coprite e cuocete a fuoco dolce per circa 45 minuti. Lasciate raffreddare prima di affettare e servire, a piacere con origano fresco e pomodorini gratinati (per 6-8 persone).
187703Francesini con roast beef e insalata. Dividete a metà 4 francesini nel senso della lunghezza. Eliminate parte della mollica e spalmate l’interno dei panini con una salsa preparata mescolando yogurt e maionese in parti uguali (a piacere, potete aggiungere anche una punta di senape). Condite in una ciotola 80 g di foglie di lattughino e un pomodoro a fettine finissime con olio, sale e pepe. Disponete sulla metà inferiore dei panini parte dell’insalata condita, adagiate 3 fettine di roast beef per ogni sandwich e insaporite con sale, pepe qualche goccia di salsa Worcestershire. Terminate con l'insalata rimasta. Completate con le metà superiori e servite (per 4 persone).
187698Arrosto in insalata. Tagliate 4 fette di arrosto freddo a bastoncini e metteteli in un’insalatiera. Pulite 100 g di funghi champignon e tagliateli a fettine. Mondate e affettate 2 peperoncini rossi dolci freschi e un piccolo peperone verde. Riunite tutti gli ingredienti nell’insalatiera, aggiungete 80 g di ciliegine di mozzarella, spolverizzate con un cucchiaino di origano e condite con olio, succo di limone, sale e una macinata di pepe (per 4 persone).

Giugno 2021

Pubblicato il 23/06/2021

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it