Sale&Pepe: scopri il numero di marzo 2016

Sale&Pepe: scopri il numero di marzo 2016

Dal 20 febbraio 2016 è in edicola la nuova edizione di Sale&Pepe con tante idee per golose torte salate, risotti d’autore replicabili a casa, piatti al profumo di curry, budini casalinghi (ma non troppo)

Pinterest
stampa
cover marzo 2016
Sale&Pepe

49391Ci sono cose che capitano per caso. Incontri fortuiti come il mio con gli Africanetti: specialità dolciaria di San Giovanni in Persiceto, comune della provincia di Bologna dove mi sono trovata a passare. Sapevo della loro esistenza ma non li avevo mai visti ed entrata in un forno pasticceria per acquistarli li cercavo tra i dolci al cioccolato (visto il nome) senza immaginare che il loro colore è giallo vivo e hanno la forma di un lingotto.

Gli Africanetti nulla hanno a che vedere con il cacao, sono zabaione puro che si trasforma in una sorta di meringa. A cottura ultimata risultano umidi dentro e friabili all’esterno. Oggi sono inclusi nell’elenco dei prodotti tradizionali (PAT) dell’Emilia Romagna e la loro ricetta è segreta; solo gli ingredienti (zabaione: uova e zucchero), ma non le dosi, erano scritti sulle scatole con le quali i dolcetti venivano spediti in mezzo mondo. A San Giovanni in Persiceto fu fondata nel 1860 la fabbrica di pasticceria di Francesco Bagnoli premiata per i suoi prodotti (biscotti, savoiardi e alimentari per ammalati) all’Esposizione di Torino e di Napoli, dove nel 1901 ottenne il diploma di Medaglia d’oro per i savoiardi.

E gli Africanetti? Chiamati così da Bagnoli perché ne spediva molti in Africa Orientale (era il tempo delle prime guerre coloniali italiane), ma conosciuti anche con il nome di Biscotti Margherita o zabaione secco, ottennero nel 1908 il Gran Prix all’Esposizione Internazionale di Londra. Molti i palati illustri conquistati nel tempo da questi biscotti, dal Duca di Orleans a Bill Clinton. Gli ultimi proprietari della fabbrica dolciaria, i coniugi Buldrini, hanno cessato l’attività da diversi anni e i biscotti oggi si comprano a numero nelle pasticcerie del paese.

Antonella che li ha preparati per voi, guardando e assaggiando il biscotto che le ho portato, è andata per tentativi avvicinandosi più che ha potuto all’originale. Ma se vi trovate dalle parti di Bologna fate una deviazione a San Giovanni in Persiceto; è vicino e ne vale la pena. Probabilmente vi sentirete fare la stessa raccomandazione che è stata fatta a me: “ Signora l’avverto che gli Africanetti sono molto calorici e vanno consumati nel giro di qualche giorno”. In casa mia sono spariti subito.

di Laura Maragliano

116741Oltre agli Africanetti, su Sale&Pepe in edicola dal 20 febbraio potrai trovare:

TORTE SALATEgolosi abbinamenti e nuove presentazioni
CURRYinfinite alchimie per un mix di spezie che si fa piatto
RISOTTI D'AUTORE replicabili a casa
PESCI DI QUARESIMA per la cucina di magro 
BUDINI golose riscoperte al cucchiaio (video Dietro le quinte: come nasce un servizio fotografico per Sale&Pepe)

Il numero di aprile 2016 sarà in edicola dal 19 marzo 2016.


la ricetta del direttore

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it