Milioni di semi custoditi in una banca al Polo Nord

Milioni di semi custoditi in una banca al Polo Nord

Una struttura avveniristica nelle isole Svalbard protegge il patrimonio genetico delle colture più importanti della Terra, come mais, riso e manioca

Pinterest
stampa
Norway - Science - Svalbard Global Seed Vault
Sale&Pepe

La fecondazione eterologa non c'entra nulla. Le banche dei semi, in questo caso, non hanno lo scopo di fare la felicità di una coppia, ma di rendere più sicuro il futuro dell’intera umanità.

Ma cosa sono precisamente? Sono depositi che hanno il fine di preservare il patrimonio genetico tradizionale delle sementi e quindi la sicurezza alimentare. In che modo? Con lo stoccaggio di una certa quantità di semi, pronti all’uso, nell'eventualità di una catastrofe che comporti la distruzione delle scorte.

Un'idea nata a Rio de Janeiro nel 1992, quanto 175 Paesi hanno ratificato La Convenzione sulla diversità biologica per fronteggiare in anticipo i pericoli delle crisi alimentari che potrebbero scatenarsi nel Terzo millennio.

Da allora sono stati avviati tanti progetti e sono nate centinaia di banche. Nel nostro Paese agisce, fra tante altre, la Rete Italiana Banche del germoplasma per la conservazione, Ex situ della flora spontanea italiana (RIBES); nel Regno Unito la più importante è la Millennium Seed Bank, che ha collegamenti con altre banche africane, australiane e americane.

Al mondo è stata calcolata la presenza di ben 1400 collezioni di semi, ma molte di queste sono in pericolo o sono già danneggiate, perché si trovano in nazioni politicamente instabili o ad alto rischio ambientale. Per risolvere il problema è nata la più sicura, la banca delle banche, la Svalbard Global Seed Vault.

Non è in Svizzera, ma si trova fra i ghiacci della Norvegia, nell’isola Spitsbergen, che fa parte dell’arcipelago artico delle isole Svalbard, a circa 1200 km dal Polo Nord. Il suo obiettivo è quello di garantire la totale sicurezza delle 21 colture più importanti della Terra, fra quali il riso, il mais, il frumento, le patate, le mele, la manioca, la noce di cocco, ecc.

I loro semi sono custoditi in caveau a temperatura controllata, 120 metri all’interno della roccia, nel permafrost, conservati in buste di polietilene e alluminio e sigillati ermeticamente.

Si ipotizza che i semi possano resistere migliaia di anni e avere ancora la capacità di germogliare. Se è stato stimato che al mondo esistono circa 1,5 milioni di tipologie di semi alimentari, nella banca norvegese potrebbero essere stoccati complessivamente 4,5 milioni: una sicura polizia d’assicurazione per il genere umano.

Mauro Cominelli, 
30 settembre 2014

 

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it