Il Club del Fornello di Milano

Il Club del Fornello di Milano

Tre socie meneghine del club del fornello ci introducono nella storica associazione, nata per il piacere di cucinare insieme

Pinterest
stampa
CLUB DEL FORNELLO
Sale&Pepe

È la passione a muovere le Fornelle, cuoche amatoriali che si ritrovano nelle loro case per cucinare insieme e condividere l’amore per il cibo e la sua cultura.

E basta osservare le nostre tre ospiti della Delegazione milanese, Annalori Ambrosoli, Elena Brusadelli e Francesca Isenburg, per capire che ci credono davvero. Serie, rigorose, custodi consapevoli di un sapere femminile legato al cibo; ma anche entusiaste, divertite, complici.

Il Club del Fornello di Milano, il secondo nato, ha una lunga storia, incominciata nel 1981. Oggi comprende due gruppi: quello delle nostre ospiti, guidato da Annalori Ambrosoli; e le Fornelline, come vengono affettuosamente chiamate le più giovani, allieve della fondatrice Anna Toffoletto.

Tutte molto attive, si dividono tra le conviviali, i congressi, la pubblicazione dei libri delle loro ricette, alcuni viaggi (l’ultimo a Venezia). Senza dimenticare le iniziative charity: come la cena di gala a favore di NEMO, centro clinico dell’Ospedale di Niguarda dedicato alle malattie neuromuscolari.
Le Fornelle hanno preparato l’aperitivo per 300 persone, lavornado a fianco di chef stellati.

Sono tutte donne le socie del Club del Fornello

172723Fondato a Piacenza nel 1977, e per statuto solo donne e gli uomini sono ammessi solo come ospiti. Al primo nucleo di Rivalta (Pc), se ne sono aggiunti altri e oggi il Club è suddiviso in 42 delegazioni in tutta Italia, con 700 Fornelle, ed è presieduto da Gisella Pampari Corvi.

L’associazione, senza scopo di lucro, nacque per valorizzare il lavoro delle donne ai fornelli e condividere le ricette di famiglia e di tradizione, ma con il tempo si è aperta a nuovi piatti. Le socie si riuniscono ogni anno in 5-6 “conviviali” dove cucinano insieme, organizzano congressi nazionali biennali, curano libri di loro ricette e partecipano ad attività benefiche.
(Nella foto, da destra, tre socie milanesi: Annalori Ambrosoli, Elena Brusadelli e Francesca Isenburg).

Milano: storia di un club glorioso

172726La delegazione milanese del Club del Fornello fu fondata oltre 40 anni fa da Annetta Toffoletto, casalinga e curatrice di una rubrica sulla rivista A Tavola, la giornalista di moda e scrittrice Mila Contini e la mamma di Laura e Margherita Landra, le sorelle che guidano la storica scuola milanese La Nostra Cucina.

Il club ha pubblicato 3 libri, non in vendita: uno per i 10 anni, con la prefazione di Gualtiero Marchesi; quello per il trentennale e il taccuino con tutte le ricette del Congresso di Milano nel 2016.

Gougères farcite con mousse al salmone e al tonno

per 4 persone
40 g di burro - 60 g di farina - 3 uova - 100 g di gruyère - sale per la mousse al salmone: 50 g di mascarpone - 50 g di robiola spalmabile - 100 g di salmone affumicato - pepe - aneto per decorare per la mousse di tonno: 125 g di tonno sott’olio - 90 g di robiola spalmabile - scorza di limone - timo - pepe - rosmarino per decorare

Preparate le gougères. Grattugiate il gruyère. Riunite in una casseruola 125 g di acqua, il burro e un pizzico di sale. Portate a bollore, togliete dal fuoco e aggiungete, in un colpo solo, la farina.

- Incorporate due uova, uno alla volta amalgamando molto bene il composto, quindi aggiungete il gruyère. Con un cucchiaio formate tante palline della grandezza di un bigné e disponetele distanziate su una teglia rivestita di carta da forno. Spennellatele con l’uovo rimasto sbattuto e infornatele a 180° per 30-35 minuti.

- Nel frattempo preparate le mousse. Tagliate il salmone, mescolatelo con mascarpone e robiola, pepate e amalgamate. Schiacciate il tonno con una forchetta, unite il formaggio, una grattugiata di scorza di limone e qualche fogliolina di timo tritata, pepate e amalgamate gli ingredienti.

- Sfornate le gougères, fatele raffreddare, tagliatele a metà e farcitene una parte con la mousse di salmone, decorando con un ciuffetto di aneto, e una parte con la mousse di tonno, docorando con un rametto di rosmarino.

Savarin di taglierini con salsa di asparagi

per 4 persone
400 g di taglierini all’uovo - 500 g di panna fresca - 5 uova - 150 g di parmigiano reggiano grattugiato - una grattatina di noce moscata - sale - pepe - burro e pangrattato per lo stampo (24 cm di diametro)
per la salsa agli asparagi: 2 mazzi di asparagi di 400 g l’uno - 250 g di latte - 40 g di burro - 40 g di farina - 50 g di parmigiano reggiano - sale - pepe

- Imburrate un stampo da savarin da 24 cm e ricopritelo di pangrattato. Preparate una crema sbattendo in una ciotola la panna con le uova e il parmigiano, sale, pepe e noce moscata.

- Cuocete i taglierini in acqua salata, scolateli molto al dente, versateli nella crema preparata e amalgamate bene. Disponete i taglierini nello stampo, livellateli e cuocete il savarin in forno statico a 180° per 30 minuti.

- Nel frattempo preparate la salsa. Pulite gli asparagi e lessateli per 10 minuti, salandoli leggermente. Scolateli, conservando l’acqua di cottura, tagliate le punte, immergetele in acqua e ghiaccio e tenetele da parte per decorare il piatto.

- Per la besciamella, fate fondere il burro, unite tutta la farina in una volta, fuori dal fuoco, mescolando. Rimettete su fuoco dolce, salate, pepate e versate il latte caldo poco alla volta e l’acqua di tenuta da parte. Cuocete qualche minuto. Frullate gli asparagi, uniteli alla besciamella e aggiungete il parmigiano.

- Capovolgete lo sformato, fatelo riposare pochi minuti, copritelo con un po’ di salsa e decorate con le punte tenute da parte. Servite la salsa rimasta in una salsiera.

testi di Marina Cella
video Diego Stadiotti

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it