Bambini al ristorante: si o no? La polemica e la parola ai lettori

Bambini al ristorante: si o no? La polemica e la parola ai lettori

La vicenda del ristorante romano che non ammette i bambini ha fatto scalpore e suscitato polemiche. Abbiamo chiesto il parere dei lettori che ci seguono su facebook e qui diamo a voi la parola, riportando i commenti più significativi condivisi sui nostri social

Pinterest
stampa
bambini-ristorante
Sale&Pepe

Nei giorni scorsi ha fatto scalpore la notizia del ristorante romano la Fraschetta del Pesce che vieta l’ingresso ai bambini sotto i 5 anni. All’entrata del locale è esposto un cartello che ricorda quelli stradali con un simbolo esplicito. Il divieto è in vigore da almeno due anni, ha raccontato Marco il proprietario, un uomo deciso, detto significativamente “Il comandante” che si è quasi stupito del battage di questi giorni.

La foto dell'insegna è diventata virale, ne hanno scritto i giornali e in tantissimi hanno sentito l’esigenza di esprimere il proprio parere, perché il tema bambini tocca davvero tutti: sia chi li ha e vuole concedersi una serata al ristorante con o senza di loro, sia chi non li ha e ama o detesta quelli altrui, specie quando è a mangiare fuori. Abbiamo chiesto un’opinione a chi ci segue su facebook e, in effetti, il dibattito si è scatenato immediatamente. La prima a dire la sua è stata Manuela e poi il post ha registrato nell’arco di poco oltre 700 commenti. Qui ne riportiamo solo alcuni: sono significativi ed esemplificativi, perché rendono l’idea degli umori che circolano sull'argomento (per leggerli tutti e commentare, click qui).


114503Le voci sono molte e ciascuna esprime un pensiero diverso, ma quel che emerge è che i veri responsabili dell’educazione dei figli sono i genitori e non sempre sanno fare bene il loro mestiere, salvo poi lamentarsi della maleducazione altrui.

Ecco i vostri i commenti. Non sono correlati tra loro se non per il fatto che si riferiscono tutti allo stesso post.

...Pronti via!
Manuela Calenda Io sono una mamma di un Bambino di 2 anni e già da ora cerco di insegnargli l’educazione quando stiamo fuori casa. Il problema non sono i bambini ma vedo genitori che se ne fregano dei loro figli che corrono ovunque bei ristoranti o urlano. E non è giusto che chi vuole pranzare in tranquillità debba subire.

Sonia Lazzarini Valeria Castrì si parla di EDUCAZIONE non di vivacità. Mi è capitato diverse (troppe) volte di volermi rilassare a ristorante e trovare bambini che strillano e corrono come schegge tra i tavoli. Se decido di andare al ristorante PRETENDO decoro e tranquillità. Le famiglie che decidono di "riposare" lasciando i figli senza alcun controllo in giro per il locale chiamino una baby sitter!

Maria Bianchetti bimbi maleducati e urlanti sono spesso figli di genitori maleducati e urlanti, che anche loro fano caciara nei ristoranti, con o senza figli, impedire l'ingresso ai bambini sotto i cinque anni non significa affatto garantire la quiete, perchè gli adulti sanno essere più fastidiosi.. se l'intenzione del ristorante era quellla di garantire un ambiente "riservato e discreto" per una clientela esigente, forse era meglio scrivere altro sul famoso cartello, tipo "per rispetto della clientela in questo ristorante si parla a bassa voce, si tiene il volume del cellulare basso o qualcosa del genere etc..

Rizia Tadi Esatto, l'educazione parte dai genitori, insegnare ai bimbi fin da piccoli il rispetto x le persone e a volte saper dire no con determinazione.

Sofia Massarelli Quando vado al ristorante (abbastanza spesso) alla fine mi fanno sempre i complimenti perché i miei figli, di 8 e 4 anni, sono stati buoni e seduti al tavolo tutto il tempo, come fossimo una famiglia anomala. Cominciamo invece a far notare a chi fa il contrario che sono loro ad essere le pecore nere.....maleducate, e se non si riesce a tenere buoni i propri figli.....non si va al ristorante a dare fastidio al prossimo e a chi sta lavorando, ....si sta a casa finché non crescono!!!!!

La nonna
Giovanna Calabrese Sono una nonna e do ragione a tutte quelle persone che danno la colpa ai genitori imiei figli li portavo ovunque e stavano tranquilli perche io li ho insegnati a fare cosi e anche i miei nipoti sono cosi

Divieti all’estero, ma anche in Italia
Tiziana Amato Davidson Dipende dal tipo di ristorante. Vivo a Zurigo da molti anni e vi posso assicurare che e' sempre specificato se il ristorante è adatto a famiglie o no!!!! Allo stesso momento, ritengo che faccia parte dell'educare i figli, l'insegnamento di come comportarsi quando si mangia fuori. E' chiaro che i bimbi piccoli sono a volte imprevedibili, si tratti solo di un pianto improvviso!

Alida Tossuto Sono d'accordo. Esistono già molti alberghi, come ad esempio a Capri, ma anche in altre località, dove non sono ammessi bambini nè ragazzi al di sotto dei 15 anni. Sono, tra l'altro, anche del parere che i bambini in tenera età, soprattutto i neonati, ad una certa ora della sera debbano stare in tranquillità nella loro casa e nel loro letto e non invece trascinati ai ristoranti fino a tarda ora per soddisfare le "esigenze" dei genitori. Quando si hanno bambini piccoli, bisogna sacrificarsi per garantire loro la tranquillità ed evitare stress. Perciò, sono pienamente d'accordo sul vietare i bambini piccoli ai ristoranti per tutelare loro stessi e per la pace di coloro che si dovessero trovare nello stesso locale.

Non sono d’accordo con il divieto
Patrizia Forni Personalmente se vedo un divieto di questo tipo cambio ristorante...ho figli grandi ma adoro e rispetto i bambini...vietato agli adulti maleducati forse sarebbe più corretto...non si può paragonare assolutamente un bambino ad un cane. ..per quanto anche su questo avrei molto da ridire ...meglio un cane di un qualsiasi adulto maleducato

Serena Novelli Mi chiedo se i titolari del locale non hanno figli? Mi è capitato di trovare un B&B che non accettava bambini. Il problema non sono i bambini, ma i genitori che non sanno educarli. Un cafone potrà anche lasciare i figli a casa ma anche lui potrebbe creare situazioni spiacevoli nel ristorante! Questa limitazione mi sembra incivile.

Giovanna Buoncore Si è vero che bisogna educarli ed è anche vero che ci sono dei genitori che non hanno la minima idea di cosa significa la parola "educare" ma non condivido x niente questo divieto...

Monica Fioravanti Io leggo cose assurde i genitori non sanno educare è tanto altro tutti moralisti, i cani li portano dappertutto fanno la caccia sui marciapiedi e nemmeno la raccolgono non si ha rispetto se un bambino ha paura dei cani fra un po vengono prima dei bambini, la maleducazione degli adulti no ,non ne parliamo, solo i bambini rompono ma fatela finita egoismo puro io ho 2 bambini li porto sempre con me è non si comportano come dite voi.

Dalla parte dei camerieri
Angelo Azara Chi lavora in ristorante sa quanto sono rompi,e non solo per i camerieri.andate a vedere come alcuni lasciano il tavolo,e pare siano venuti soli,dei genitori neanche l'ombra,quando ai genitori le fai notare quello che combinano,arriva la solita frase:son bambini!! I SUOI BAMBINI Signora

Luca Pedrana Spazza ci sono bambini e bambini ma soprattutto genitori e genitori. facendo il cameriere posso assicurare che il 70% dei genitori non sa dire di no ai figli e che la maleducazione è all'ordine del giorno.

Lorena Ghizzo-Zanichelli Vent'anni fa ho assistitito ad un incidente in un ristorante. Una bimba di 3/4 anni si é alzata dal tavolo e si é messa a correre in giro per il ristorante. Ad un certo punto é andata a sbattere contro un cameriere che portava una zuppiera con del brodo bollente. Il povero cameriere ha fatto del suo meglio per non cadere insieme al brodo che é finito sulla bimba ustionandola ..... vi risparmio il resto !!! In conclusione, non vieterei l'ingresso ai bimbi (ne ho avuti 2 anch'io) ma scaccerei l'intera famiglia (dopo aver pagato il conto) che mette a repentaglio la sicurezza dei piccoli e che tollera comportamenti maleducati (urla, strepiti) e quant'altro!

Bambini si, ma non ovunque
Maria Rosaria Lamari Io sono dell'opinione che ci sono alcuni ristoranti in cui bambini troppo piccoli non debbano entrare sono una mamma di una bambina di 5 anni e una bambina di 3 anni e sinceramente locali particolari dove si pranza luce soffuse con tanti cristalli in giro io non ci vado preferisco andare in locali che hanno delle aree gioco apposta per i bambini lì ci divertiamo loro si divertono più di me e passiamo una giornata in allegria

114509Possibili soluzioni? 
Antonella Dell'Olio ha commentato con una vignetta significativa

Stefania Tiozzo Io avendo due piccole pesti penso che sarebbe giusto creare dei luoghi dove i genitori possano mangiare tranquillamente e i bambini abbiano una saletta solo per loro con un'animatrice.Mica si può condannare i genitori chiusi in casa perché i bambini sono vivaci! E non è sempre perché i bambini non vengono educati...ci sono bambini e bambini come genitori e genitori.

Marina Bollani Forse il cartello da mettere dovrebbe essere "i disturbatori verranno allontanati dal locale!" Così non si fanno discriminazioni e quelli che vanno col passeggino matrimoniale pagano il coperto.

Maria Bianchetti bimbi maleducati e urlanti sono spesso figli di genitori maleducati e urlanti, che anche loro fano caciara nei ristoranti, con o senza figli, impedire l'ingresso ai bambini sotto i cinque anni non significa affatto garantire la quiete, perchè gli adulti sanno essere più fastidiosi.. se l'intenzione del ristorante era quellla di garantire un ambiente "riservato e discreto" per una clientela esigente, forse era meglio scrivere altro sul famoso cartello, tipo "per rispetto della clientela in questo ristorante si parla a bassa voce, si tiene il volume del cellulare basso o qualcosa del genere etc..

Un po’ di sano scetticismo
Michela Maria Bernardini Il locale in questione è una osteria romana non propriamente di classe. Il gestore nell'intervista dice chiaramente che ce l'ha con i genitori che si siedono e se ne fregano di quello che fanno i figli, è vero ci sono bambini che nei ristoranti corrono e urlano, come è vero che esistono adulti che ti gridano, bestemmiano ecc. e ti rendono "partecipe" delle loro conversazioni mentre tu vorresti mangiare tranquillamente seduta al tavolo accanto, il cartello andrebbe messo verso i maleducati in generale, di qualsiasi età, non verso i bambini, visto che esistono anche quelli che sanno stare a tavola, magari colorando e disegnando con i fogli e colori che la mamma (o il ristoratore!) ha portato.
Viene il dubbio, vista anche l'età inserita, 5 anni, che il problema non sia il caos che possono creare, a 6 a 8 non è detto siano da meno, ma che a quell'età, magari con pure un passeggino al seguito, occupino spazio senza consumare............

e per concludere…
Elio Bolelli Se vengo disturbato mentre sono al ristorante da bambini, piccoli o grandi che siano, cerco di essere comunque gentile con loro (non ne hanno colpa loro) ma quel ristorante non mi vedrà mai più!

Adla Luis Ele Beati voi che vedete bimbi ridere e divertirsi a scorazzare tra i tavoli. Io incontro solo cybord con la testa china a fissare lo schermo del cellulare o del tablet. Non sopportiamo più niente, siamo intolleranti oltre che al cibo anche ai rumori. Povera nuova generazione. L'errore è nostro. Questa è la vera maleducazione che gradirei chiamare diseducazione.

Opinioni raccolte da
Barbara Roncarolo
25 gennaio 2016

Condividi

Le ricette

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it