Quando è la pappa a essere vegana

Quando è la pappa a essere vegana

Alcuni recenti casi di cronaca hanno aperto una discussione sull’opportunità di sottoporre i piccolissimi a una dieta priva di alimenti di origine animale.

Pinterest
stampa
vegani
Sale&Pepe

In Italia i vegetariani sono in aumento e anche la cucina vegana è in piena popolarità. Tra locali "cruelty free" e locali specializzati in piatti vegani la proposta è ormai molto ampia e sfiziosa, tanto che spesso anche gli onnivori non disdegnano. Sugli scaffali di tutti i supermercati sono spuntati alimenti a base di miglio e soia, latti di riso e cocco e altre specialità sempre più corteggiate da chi ha deciso di fare a meno degli alimenti di origine animale. Ma se la decisione viene presa per conto terzi è un altro discorso. Soprattutto se si tratta di un bebé, il cui fabbisogno energetico per affrontare un percorso di crescita è elevato.

Ultimamente alcuni casi di cronaca hanno portato alla ribalta la questione, per altro già scoperchiata da una pellicola recente di Saverio Costanzo dal titolo emblematico Hungry Hearts (Cuori affamati), che narra proprio di una madre vegana e naturista all’eccesso, di un infelice rapporto di coppia e di una forma malata di amore materno scandita da ossessioni riguardo al cibo. La verità è che tra i casi denunciati di malnutrizione di bambini figli di vegani ci sarebbe da fare ordine e alcuni annoverati come tali sarebbero da approfondire (o forse da ridimensionare): in un caso un bimbo veniva ancora allattato all’età due anni e aveva evidenti carenze, in un altro caso il bebé aveva una carenza di vitamina B12 che potrebbe essere persino congenita. Insomma, cronaca a parte, sulla quale spetta ai giudici esprimersi, ci si chiede se a un bimbo un regime alimentare così restrittivo possa fare bene o meno e comunque quali sono gli accorgimenti necessari.

E’ evidente che con un regime alimentare vegano si consumano prevalentemente cereali, ortaggi, legumi, soia, ma se i genitori sottopongono un bambino a una dieta vegana in maniera non informata (cioè evitando di consultare specialisti) e senza integrazioni nell'alimentazione, si rischia di rallentare lo sviluppo del piccolo (clicca qui) e in effetti i rischi possono essere elevati. 

Il problema di alcuni alimenti di origine vegetale è inoltre quello dell'assimilazione delle vitamine e di altri elementi importanti per la crescita, motivo per cui è indispensabile un monitoraggio pediatrico e, pur all’interno di una scelta di un certo tipo, è consigliabile elasticità e continua informazione. L'elemento cruciale di cui tener conto è la vitamina B12, che in natura viene prodotta da batteri probiotici nell’intestino di animali e umani. Ma la necessità di integrarla a volte riguarda anche i carnivori, perchè se si mangia carne che proviene da allevamenti intensivi dove agli animali vengono somministrati antibiotici, la B12 mancherà ugualmente. Dunque è fondamentale integrarla, a partire addirittura dalla gravidanza.

Secondo il professor Leonardo Pinelli (clicca qui), specialista in pediatria e diabetologia, esperto in nutrizione vegetariana e vegana, "Le maggiori società scientifiche internazionali, come  l’Accademia Americana di Pediatria e l’Accademia Americana di nutrizione e dietologia, considerano l’alimentazione sia vegetariana che vegana adeguata a tutte le fasi della vita, dall’infanzia alla vecchiaia". Ovviamente però, come fa notare ancora Pinelli, queste diete devono essere ben pianificate, soprattutto nei periodi come lo svezzamento e l'infanzia e spesso nel nostro Paese mancano i pianificatori. 

Non dimentichiamo mai però il problema opposto e certo non meno grave: i dati di molti studi scientifici sottolineano il pericolo di eccesso di proteine animali nella dieta, legato a un accumulo di peso nel primo anno di vita, situazione che a sua volta si associa a un aumentato rischio di sovrappeso nell’adolescenza. In Italia il 25 per cento dei bambini tra i 3 e i 6 anni è in soprappeso o obeso: un’epdiemia silente, come è stata definita all’Unicef.

Emanuela Di Pasqua,
6 ottobre 2016

Photo credits: Wikipedia

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it