Seguici su Facebook Seguici su Instagram
Consigli praticiAiuto...mi si è rotta la confezione (ma non il prezzo)

Aiuto...mi si è rotta la confezione (ma non il prezzo)

Quando si è a fare la spesa e si deve decidere cosa comprare entrano in gioco diversi fattori, a partire dal prezzo

Condividi

Lo sanno bene produttori e commercianti che, infatti, prestano grande attenzione (e approfonditi analisi e studi) per individuare la corretta “battuta di cassa”, ossia la cifra che il consumatore è disposto a spendere per ogni prodotto.  Ma cosa accade se, come in questi mesi, i rincari delle materie prime, delle tariffe di energia e di trasporto fanno lievitare il costo del prodotto? Si alza il prezzo al kg del prodotto ma senza ritoccare la battuta di cassa per non rischiare di diminuire le vendite. Come ci si riesce? Ricorrendo a quella che gli addetti ai lavori definiscono “sgrammatura”, ossia la riduzione del peso delle confezioni dei prodotti. Ma a parità di prezzo.

Stessa confezione, meno contenuto
Una pratica tornata di grande attualità in questi mesi tanto da far diventare comune il concetto di shrinkflation, ossia di riduzione della quantità di prodotto per mantenere invariato il prezzo. Una sorta di inflazione mascherata che è facile smascherare. È sufficiente, infatti, controllare il prezzo al kg, che dev’essere indicato sui cartellini apposti sugli scaffali dei negozi. Non basta, infatti, prestare attenzione alla dimensione delle confezioni per verificare l’eventuale sgrammatura. Un po’ perché talvolta le dimensioni del packaging restano le stesse (semplicemente c’è meno prodotto nelle confezioni), un po’ perché a volte cambia anche il design delle confezioni e quindi notare le differenze non è semplice.

La sgrammatura, però, non è un fenomeno nuovo ma abbastanza usuale. Tra 2013 e 2018, ad esempio, ha riguardato il 43,5% dei 1.405 prodotti presenti nel paniere Istat (in particolare prodotti dolciari, confetture, miele, cioccolato e creme da spalmare) ma in 83 casi su 100 il prezzo non è stato diminuito. Al supermercato sono comparse le bibite in bottiglie da 25 ml (anziché da 33 ml) o da 1,35 litri (anziché da 1,5 litri) l’olio extravergine in confezioni da 750 ml anziché da 1 litro, il cibo per gatti in scatolette da 85 grammi (e non più da 100 grammi) e le merendine monoporzione da 30-40 grammi (che così diventano più virtuose anche come valore nutrizionale).

Negli ultimi mesi è stata, invece, la volta della riduzione del numero di biscotti contenuti in un pacco o dei fazzolettini di carta nei pacchetti e della diminuzione del peso delle scatolette di tonno, delle bottiglie di passate di pomodoro e del pacco della pasta. Ma anche del contenuto dei flaconi del detersivo.

Ingredienti “rivisti” per risparmiare
Grano, zucchero, cacao, caffè, farina, riso, burro: queste, come tante altre, materie prime alimentari sono inserite in un mercato mondiale, dove i prezzi fluttuano anche in maniera importante e in tempi molto brevi. Basta che qualche grande potenza faccia scorta di una di queste derrate (come sta facendo la Cina col latte o il Brasile con lo zucchero), che una guerra blocchi le materie prime (come avviene a causa di crisi politiche o guerre) oppure che le sfavorevoli condizioni climatiche riducano i raccolti, per far esplodere i prezzi e i costi d’importazione di questi prodotti. Ora poi, a causa del conflitto tra Russia e Ucraina, molte materie prime sono diventate difficili da reperire.

Quindi le aziende di trasformazione alimentare, che devono comprare e gestire migliaia di ingredienti, sono costrette a rivedere le ricette dei prodotti, diminuendo il peso degli ingredienti troppo costosi o difficili da trovare, e sostituendoli, del tutto o in parti, con surrogati più economici. Ecco dunque che ci sono prodotti dolciari con meno cacao oppure realizzati con margarina al posto del burro, tortellini con ripieno di prosciutto cotto anziché di crudo, croissant farciti con confettura anziché con confettura extra. Ed è allarme sulla reperibilità dell’olio di girasole tanto che si sta tornando a recuperare grassi che di recente erano stati snobbati, come l’olio di sansa, quello di canola e quello di palma.

Manuela Soressi
giugno 2022

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.