Seguici su Facebook Seguici su Instagram
Tecniche di BasePastaCome cucinare la pasta alla Norma

Come cucinare la pasta alla Norma

BioIntegraleLightSenza GlutineSenza LattosioSenza UovaVeganoVegetariano

Tradizionale piatto catanese, fu chiamata così con riferimento alla perfezione dell'opera di Belilni. Infatti è una sinfonia di sapori. Scopri i modi migliori per cucinarla

Condividi

La pasta alla Norma è un piatto tipico di Catania, dove viene chiamata pasta c'a Norma. Il termine si riferisce all'omonima opera di Vincenzo Bellini, il grande compositore catanese. In quella città dire è una "Norma" significa definire qualcosa di grande o perfetto, in qualsiasi campo. In effetti questa pastasciutta, se realizzata a regola d'arte, è una vera e propria sinfonia di sapori.
L'occasione per battezzare così la pasta va scovata agli inizi del secolo scorso, nel 1920. Nella casa di Angelo Musco, noto attore siciliano, si trovavano riuniti a pranzo alcuni personaggi del mondo teatrale, tra cui il commediografo Nino Martoglio. Donna Saridda, nipote acquisita di Musco, aveva preparato per l'occasione un piatto davvero speciale: spaghetti conditi con una densa e corposa salsa di pomodoro, spolverizzati con la ricotta salata e, novità assoluta, arricchiti con fette di melanzane fritte. Dopo poche forchettate, il Martoglio esclamò: "Donna Saridda, chista è na vera Norma!". Il riferimento al sublime melodramma di Bellini fu chiaro a tutti e, quindi, da quel giorno la pasta così preparata si fregiò di questo nome. 

La pasta comunemente usata (gli spaghetti, ma si possono utilizzare anche formati diversi, come i maccheroncini) fa da base a una saporita salsa di pomodoro e alle fette di melanzane fritte e profumate di olio di oliva. Infine, su tutto, come una generosa nevicata, l'ottima e tipicissima ricotta salata.

Qualche consiglio per preparare la pasta alla Norma

- Le melanzane sono le vere protagoniste di questo piatto, devono quindi essere perfette: dorate, croccanti, saporite. E soprattutto prive di quello sgradevole retrogusto amaro che potrebbe evidenziarsi dopo la cottura. Per non rischiare c'è un solo sistema: cospargile di sale, meglio se grosso, mettile in uno scolapasta e lasciale sgocciolare, ben pressate sotto un peso, per circa un'ora. Dopodiché sciacquale bene.
- Se vuoi dare al piatto un gusto ancora più mediterraneo, aggiungi ai pomodori 2 cucchiai di capperi sotto sale, lavati e asciugati.
- Se desideri un piatto più leggero, usa melanzane grigliate (anche surgelate), condite con un filo di olio crudo.
- Scola gli spaghetti rapidamente lasciando "attaccata" un po' di acqua di cottura: la ricotta assorbe molta umidità e fa asciugare troppo la pasta.
- Per una facile decorazione: ripiega a "cannolo" 3-4 fette di melanzana cotte e sistemale sulla pasta.
- Questo classico piatto è ottimo anche con pasta corta: scegli un tipo rigato come, per esempio, le penne che trattengono bene il sugo.

TAG: #come cucinare#pasta alla Norma

La ricetta

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.