Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Vino bianco d’estate: la convivialità secondo Loggia dei Colli

Vino bianco d'estate: la convivialità secondo Loggia dei Colli

Un calice di vino fresco e profumato, per accompagnare i pranzi o le cene d’estate, è esattamente ciò che ci rende felici

Pinterest
stampa
muller-thurgau-@salepepe
Sale&Pepe

L’estate: un momento che ci piace non solo per il sole e per il mare, per i prati verdissimi delle montagne e per le grigliate in campagna. L’estate è uno stato d’animo, è una convivialità che si esplicita nelle vacanze e negli aperitivi con gli amici, nelle gite fuoriporta e nelle cene all’aperto. Che sia la mis en place, i piatti o le bevande, il filo conduttore deve essere la spensieratezza, cercata nei colori, nella freschezza e nei profumi. Cosa c’è di meglio, quindi, che godersi un calice di vino bianco fresco, capace di accostarsi a tutte le variopinte interpretazioni dei nostri menu d’estate?

Loggia dei Colli, il gusto della tradizione
Loggia dei Colli è un nome che affonda le sue radici storiche nella vitivinicoltura delle Venezie. La linea, firmata Martellozzo, vuole essere un inchino alla tradizione agricola, un inno alla genuinità contadina, trasferito in vini di piacevolezza e, appunto, convivialità, perfetti per questa nostra estate così bisognosa di un sorriso.

189229Müller Thurgau: il vino di montagna
Proprio dalla Val di Cembra, la parte più fresca delle Venezie, si origina una delle etichette perfette per l’estate, il Müller Thurgau Trevenezie Igt Loggia dei Colli. È un vino sapido, freschissimo, dai profumi di erbe aromatiche e frutto a polpa gialla, prezioso per il suo equilibrio cesellato fra tutte le componenti del sorso. Un vino minerale come la roccia da cui si origina. La Val di Cembra è infatti una valle definita da terreni vulcanici. È silenziosa, quasi magica, circondata da vigneti ripidissimi e, proprio per questo, sistemati a terrazzamenti per renderli lavorabili. 

Abbinamenti: largo alla fantasia!
In linea generale possiamo annoverare il Müller Thurgau tra i vini che giocano il loro timbro sulle finezze, sull’eleganza. L’abbinamento perfetto sarà pertanto quello con preparazioni di classe, raffinate e delicate. Nulla di troppo intenso a livello aromatico e nulla di troppo strutturato. All’utilizzo delle spezie privilegeremo quello delle erbe aromatiche, come ad esempio in un Salmerino profumato alla maggiorana. La sapidità del vino sarà perfetta per bilanciare la tendenza dolce di tutte le preparazioni di verdura, come un soufflè di zucchine trombetta o una frittata con i tenerumi. La temperatura di servizio sarà pertanto volta ad esaltare le doti di freschezza e sapidità del sorso, aggirandosi intorno ai 10 – 12 °C. Il suo bicchiere è quello dedicato ai vini bianchi giovani, ossia un calice di media ampiezza con bordi leggermente convergenti. 189235Il Müller Thurgau Loggia dei Colli è perfetto per portare il giusto brio in un aperitivo fra amici, ma è perfettamente in grado di scortare elegantemente una cena. Basti immaginare l’abbinamento fra il profumo fragrante del nostro calice e la delicatezza di un antipasto di Cetrioli ripieni di salsa yogurt, oppure con una leggera Insalata di grano con zucchine e pinoli, dove la grassezza della frutta secca viene ripulita perfettamente dalla venatura sapida del vino. E poi, i piatti di pesce, come una semplice Tartare di pesce crudo con indivia o degli Spiedini di sogliola e zucchine, o ancora il Filetto di salmone su carpaccio di anguria marinata all’aceto (in foto).

189232Sauvignon: il bianco di carattere
Se preferiamo invece un vino di tempra, dalla vivace e inconfondibile aromaticità, allora il vino ideale è il Sauvignon Friuli Doc Loggia dei Colli. Qui siamo in Friuli-Venezia Giulia su un terreno di origine alluvionale caratterizzato da un'ampia superficie sassosa che esalta l'escursione termica fra il giorno e la notte, favorendo la naturale concentrazione degli aromi nella buccia e profumi più intensi ed eleganti nel vino. Il Sauvignon è riconoscibile a occhi chiusi per quella sua timbrica varietale che riporta al passion fruit, al pompelmo e alla foglia di pomodoro. Capace di tenere testa a preparazioni strutturate e corpose, è il vino che si presta a scortare degnamente degli scampi gratinati, ma anche il coniglio alla ligure o un’arista di maiale in agrodolce.189239 Perfetto quindi per piatti dai sapori intensi, anche piuttosto complessi, come un’Insalata di bianchetti fritti e capperi oppure delle Sarde fritte con mandorle e finocchietto. Il mondo della carne bianca e di maiale offre altrettante numerose possibilità, come il Pollo in salsa al latte di cocco (in foto) o un Arrosto di maiale freddo alla menta. La temperatura perfetta di servizio qui si aggira intorno ai 12 – 14° C, di poco superiore a quella del Müller Thurgau, al fine di esaltarne la struttura, il corpo, la morbidezza e la piacevole intensità aromatica. Il suo bicchiere è quello dei vini bianchi invecchiati o strutturati, ossia un calice a tulipano con pancia piuttosto ampia (si dice pancia il punto di massima ampiezza del bicchiere) e bordi leggermente divergenti.

luglio 2021
Sofia Landoni

Pubblicato il 22/07/2021

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it