Sale&Pepe, in edicola il numero di novembre 2015

Sale&Pepe, in edicola il numero di novembre 2015

Dal 21 ottobre è in edicola la nuova edizione di Sale&Pepe con tante idee per contorni a base di patate, piatti straordinari con bietole e spinaci, ricette deliziose al profumo di castagne e molto altro ancora

Pinterest
stampa

49391Ad Asti si stanno preparando. Stomaci forti e buongustai arriveranno in città per partecipare dal 20 al 22 novembre alla terza edizione del “Bagna cauda day” che l’anno scorso ha visto impegnati una novantina di ristoratori e 5000 commensali. Tutti soddisfatti, come sicuramente lo furono nel 1855 in Crimea le truppe piemontesi e alleate alle quali il generale Lamarmora fece preparare il celebre piatto definendolo “adatto a uomini forti e valorosi per i suoi sapori schioppettanti da fucileria”.

Da secoli langaroli e monferrini celebrano la fine dei raccolti con questa preparazione, intingendo cardi e altre verdure nel saporito intingolo a sola base di aglio, acciughe e olio extravergine, posto nel coccio (il dianèt) al centro del tavolo con sotto uno scaldino a spirito. Bandiera della cucina e del carattere piemontese, la bagna cauda è figlia della civiltà contadina.

Dei tre ingredienti fondamentali solo l’aglio abbondava in Piemonte, le acciughe erano portate dagli ambulanti occitani della Val Maira e l’olio d’oliva si commerciava con la Liguria in cambio di burro, grano e formaggio. La sua origine è incerta. Potrebbe essere più antica di quel che si pensa oppure semplice invenzione dei vignaioli che volevano festeggiare la spillatura del vino nuovo, perché, come ha scritto l’avvocato e Accademico della Cucina Italiana Giovanni Goria “il vino poteva spillarsi oltre un mese dopo la vendemmia, in una fredda mattina di primo inverno, col sole limpido e la brina sugli alberi spogli, giusto il tempo in cui inizia il riposo del contadino”.

La versione classica è una e una sola, e la sua ricetta è depositata presso un notaio. Per 12 persone: 12 teste d’aglio 6 bicchieri di olio extravergine d’oliva, e se possibile anche un bicchierino di olio di noci e 6 etti di acciughe rosse di Spagna. In realtà esistono anche due varianti: quella dell’arciprete che vi propongo nella pagina seguente, più ghiotta e arricchita, proveniente dal Piemonte di confine con la Liguria, e quella chiamata Madama Reale, pomposa e barocca, di cui era golosa Cristina di Francia duchessa di Savoia, detta appunto Madama Reale, che sembra se la facesse servire anche a teatro, dietro al suo palco. Lamarmora la fece somministrare ai suoi uomini con la polenta, chi se la sente può farla precedere da un assaggio di cacciatorini crudi e seguire da una buona tazza di brodo ma...con qualche goccia di limone.

di Laura Maragliano

108453Oltre alla bagna caôda dell'arciprete, su Sale&Pepe in edicola dal 21 ottobre potrai trovare:

QUINTO QUARTO ovvero frattaglie, bontà da rivalutare
RAVIOLI D'ORIENTE, grande gusto pochi grassi
PATATE, l’essenza del contorno
BIETOLE E SPINACI: semplici verdure che inventano piatti straordinari
DELIZIOSE CASTAGNE, il volto dolce dell’autunno

Il numero di dicembre sarà in edicola dal 20 novembre 2015.

La ricetta del direttore

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it