“Il pane in attesa”: a Messina la solidarietà si fa dal fornaio

“Il pane in attesa”: a Messina la solidarietà si fa dal fornaio

Sulla scia del caffè sospeso in alcuni fornai di Palermo si può lasciare un sacchetto di pane per chi ne ha bisogno

Pinterest
stampa
pane
Sale&Pepe

Sono quattro i panifici di Palermo che finora hanno aderito a “Pane in attesa”, l’iniziativa promossa dall’Associazione Invisibili, onlus di Messina: ogni giorno raccolgono offerte libere, anche solo pochi spiccioli, che serviranno per comprare il pane e donarlo a chi non può comprarlo.

L’idea è nata sulla scia del “caffè sospeso”, virtuosa abitudine in voga soprattutto a Napoli, di lasciare al bar il caffè pagato a chi non può permetterselo.
Come funziona? Dopo aver acquistato le proprie pagnotte, si lascia un’offerta in un apposito contenitore ben in vista sul banco. Il denaro verrà tenuto da parte fino all’arrivo di una persona bisognosa segnalata dall’associazione e munita di un apposito tesserino.
A quel punto il fornaio avrà il via libera per confezionare dei sacchetti con cinque panini e prelevare dal contenitore l’importo corrispondente.

E se il denaro donato non venisse speso interamente nell’arco della giornata? Nessun problema, i soldi verranno utilizzati per l’acquisto del pane nel giorno successivo.
I panifici che finora hanno aderito all’iniziativa, La Spiga d’Oro, Voglia di Pane, Il Panifico Macrì e Al Granaio, hanno solo poche regole, di buon senso, da rispettare: mantenere sempre ben visibili la cesta e il contenitore per le offerte e non utilizzare il denaro per scopi diversi dalla donazione del pane. Un gesto buono, come il pane.

di Silvia Tatozzi
27 marzo 2014


Photo credit: Filckr/FotoDawg

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it