Barattoli e contenitori per alimenti: quando usarli e quando metterli in microonde

Barattoli e contenitori per alimenti: quando usarli e quando metterli in microonde

Pinterest
stampa
barattoli_coperchi
Sale&Pepe

Quanto cibo si spreca e quanti alimenti vengono conservati male, perdendo gusto e proprietà nutritive? Eppure basterebbe conoscere il mondo dei barattoli, dei contenitori e dei materiali.

Pillole di saggezza
Sapere che l’ideale per il microonde è il vetro, che l’acciaio e l’alluminio non sono indicati per conservare gli alimenti acidi, che la plastica si deforma nel microonde (e ci si può arrivare) e che la carta e il cartone non sono proprio il massimo per finire in forno. E poi che la plastica può essere tossica se sottoposta a calore e che nei contenitori di ceramica bisogna prestare un occhio alle vernici. Per non parlare delle pellicole, usate spesso indistintamente per conservare gli alimenti, quando in realtà loro, le pellicole, sono completamente differenti a seconda dei materiali.

Due buone ragioni
Il motivo per cui occorrerebbe conoscere approfonditamente l’universo dei contenitori è duplice: da una parte la conservazione domestica dei prodotti alimentari è molto importante per la nostra salute e per garantirne il mantenimento delle proprietà organolettiche. Dall’altra invece c’è il dibattuto tema dello spreco alimentare e un modo molto pragmatico per combatterlo sarebbe proprio quello di conservare bene i cibi, impedendo che finiscano nel comparto frigo che diventa anti-camera della spazzatura. Sì, perché è inutile conservare una pietanza se la si riduce a un “pappone” poco invitante, che abita il frigo in modo impopolare (facendo terreno bruciato intorno a sé), perde nel frattempo ogni gusto e ogni potere nutritivo e, dopo avervi soggiornato per un po’, finisce comunque nel bidone.

Pellicole e recipienti
Per le pellicole va detto che è bene evitare le pellicole trasparenti contenti DEHA, che diventa tossico se a contatto con un cibi grassi o caldi, come pure i contenitori termoplastici. Acciaio e alluminio vanno bene, ma sono controindicati per gli alimenti ricchi di sale o molto acidi che possono corrodere i metalli. L’optimum sono i recipienti di vetro, con coperchio ermetico, che preservano l’igiene di qualsiasi tipo di alimento, mentre la carta è assolutamente indicata per frutta e verdura, ma va cambiata frequentemente poiché assorbe molto l’umido.

Il discorso microonde
La cottura a microonde rappresenta poi un capitolo a sé. Fondamentale è utilizzare recipienti che siano “trasparenti” alle microonde, ma oggi i contenitori per alimenti in commercio presentano già sul fondo tutte le diciture necessarie (adattai alla lavastoviglie, al microonde, ecc.). Il materiale più indicato per cuocere a microonde è il vetro. Anche la porcellana è adatta al forno a microonde, purché non presenti decorazioni in oro o in argento che provochi scintille rischiando di danneggiare il forno. Ceramica, terracotta e creta invece possono superare la prova microonde solo se sono smaltati a vetro e lo smalto non ha crepe o fenditure. La plastica come già detto (e come suggerisce il buon senso) rischia di deformarsi nel forno a microonde, ma se è riportata l’indicazione “resistente al calore” si può andare tranquilli. I contenitori di carta dovrebbero essere usati infine unciamente per scaldare brevemente i cibi e se infilati nel forno, essendo spesso cerati, si fondono e si mescolano con il cibo, con un pessimo risultato gustativo e la certezza di  intossicarsi. Va detto poi che la pellicola per microonde è ottima per coprire gli alimenti, non solo perché resiste al calore, ma anche perché sopporta molto bene le temperature elevate; l’uso della carta stagnola nel microonde è consigliato se non si vuole completare la cottura dei cibi e se si vogliono proteggere le parti più delicate di alcuni alimenti; i contenitori di alluminio possono essere riscaldati nel forno a microonde, purché non siano più alti di 2-3 cm, siano scoperti e non a contatto con le pareti del forno. Tutti i tipi di stoviglie di metallo adoperate generalmente per cucinare, come le pentole in acciaio inossidabile, non devono essere introdotte nel forno a microonde.

Emanuela Di Pasqua,
18 novembre 2016

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it