Seguici su Facebook Seguici su Instagram
News ed EventiConsigli praticiBaby carote: tutta la verità

Baby carote: tutta la verità

Piccole e coloratissime, fanno quasi tenerezza e piacciono tanto ai bambini. Ma non si tratta di una specie nana, al contrario…

Condividi

Grandi, storte, veramente brutte. Così sono all’origine le carotine che ormai da qualche anno ci siamo abituati a vedere sui banchi dei supermercati.

Piacciono per le dimensioni mignon e per la tonalità di colore particolarmente intensa, sembrano la cosa più tenera e ricca di vitamine del mondo, sono belle da presentare in tavola, sono un pratico spezzafame per chi è a dieta.

I bambini le adorano e le mamme sono disposte a spendere qualche euro in più pur fargliele mangiare, dove “qualche” significa anche 5 volte tanto: con 1 euro si può comprare un chilo di carote normali, mentre la versione lillipuziana, che è venduta confezionata (in scatola o busta), può arrivare fino a 5 euro al chilo.

Ma perché costano così tanto? Il fatto è che non si tratta una specie nana come nel caso dell'anguria baby, né di carote normali raccolte giovani, bensì di un prodotto ricavato con un costoso processo industriale, a cui poi si aggiunge il “fattore moda”. E il prezzo lievita.

Le baby carrots sono in realtà carote grandi e storte, invendibili per il loro aspetto deforme. Un tempo, le “sfortunate” venivano destinate all’alimentazione degli animali d’allevamento, finché, all’inizio degli anni Ottanta, a Mike Yurosek, un agricoltore californiano, è venuta un’idea geniale: provare a modellarle, rendendole più belle, magari ottenendo più di una carotina da ogni carota grande. Prima ci ha provato con un pelapatate, poi con un taglia fagiolini industriale: ed ecco il miracolo.

I primi a proporle sono stati gli ortolani di una catena locale, ma nel giro di un anno era già boom e tutti i grandi produttori degli Usa hanno dovuto adeguarsi al nuovo trend, tutt’altro che passeggero. In America le percentuali di vendita sono aumentate in maniera esponenziale, fino a contagiare gli altri mercati, tra cui il nostro.

C’è qualcosa di male? In fondo si tratta di una manovra antispreco, i cui scarti sono oltretutto destinati agli animali. Peccato che la produzione richieda molta acqua e molta energia e sia quindi ben poco sostenibile e risparmiosa. Per non parlare dei materiali e dei processi di imballaggio. Peccato anche che per rendere le carotine di quel bell’arancione brillante sia necessario immergerle nella clorina (sostanza tossica per l’organismo). Vero è che dopo il bagno igienizzante vengono anche lavate, ma sarà sufficiente a eliminare i residui nocivi? Non è dato saperlo.

Nel dubbio quindi, non sarebbe meglio destinare quegli euro in più che siamo disposti a spendere per le mini carote all’acquisto delle carote biologiche? Che sono brutte ma buone e si prestano sicuramente di più per un sacco di ricette dolci e salate, a crudo e in cottura. Risparmieremmo in energia, acqua e salute.

Cristiana Cassé
20 ottobre 2016

Correlati

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.