Seguici su Facebook Seguici su Instagram
RicettePIATTO UNICOMISTOVirtù teramane

Virtù teramane

BioIntegraleLightSenza GlutineSenza LattosioSenza UovaVeganoVegetariano

Questo piatto tipico dell'Abruzzo, come si può evincere dal nome, è un mix di ingredienti che provengono dalla dispensa e altri che fanno la loro comparsa con l'arrivo della primavera

Condividi

Le virtù sono una ricchissima minestra di primizie di stagione unite a tutti i rimasugli della dispensa invernale. Insomma, pancia piena e dispensa svuotata. Nasce dalla tradizione della città di Teramo e ogni famiglia custodisce e tramanda la sua versione della ricetta. 

L'origine delle virtù
Esistono diverse ipotesi, nessuna verificata o verificabile: alcuni lo legano alla storica virtuosità delle massaie che hanno creato un piatto così ricco svuotando la dispensa; secondo altri, le virtù sono i legumi e le verdure. Questo perchè , in epoca romana, i soldati portavano dei sacchetti con dei legumi, chiamati proprio “Virtutes”, il frutto del lavoro nei campi dei contadini, i preziosi doni della terra.

Mettete a bagno in acqua fredda i cannellini e i ceci per 1 notte, tenendoli separati; il giorno dopo sciacquate tutti i legumi secchi e lessateli, sempre separatamente, fino a metà cottura (1 ora circa per i ceci, 30 minuti per i cannellini, 20 per le lenticchie); salate alla fine.

Pulite le verdure fresche a foglia, il sedano e le carote; riduceteli a pezzetti, scottateli in poca acqua salata in ebollizione, scolateli e teneteli da parte.

Sbollentate il piedino e le cotiche, puliteli e metteteli a cuocere in un recipiente d'acqua salata con l'osso di prosciutto per 1 ora, schiumando spesso. Disossate il piedino, spolpate l'osso e riducete le carni a pezzetti; filtrate il brodo.

Unite al brodo i pezzetti di carne, i legumi cotti (tenete da parte il loro liquido di cottura), qualche fogliolina di erbe (maggiorana, aneto, mentuccia) e continuate a cuocere.

Pelate il pomodoro e spezzettate la polpa. Preparate un battuto con il lardo, la cipolla e l'aglio sbucciati e il prezzemolo pulito; fate soffriggere il trito in una padella con poco olio, poi aggiungetevi il pomodoro e cuocete a fuoco dolce per 10 minuti circa. Unite l'intingolo preparato alla minestra in cottura.

Aggiungete le verdure a pezzetti tenute da parte e continuate a cuocere fino a quando saranno abbastanza tenere.

A cottura quasi ultimata, regolate di sale e unite alla minestra le fave e i piselli freschi.

Dopo qualche minuto, aggiungete i diversi tipi di pasta, iniziando da quelli a cottura più lunga. Quando necessario, aggiungete qualche mestolo del liquido di cottura dei legumi tenuto da parte e in caldo, tenendo presente che la minestra deve risultare piuttosto densa. Spegnete il fuoco, lasciate riposare per una decina di minuti e servite.

TAG: #Abruzzo#erbe aromatiche#fave#lardo#legumi secchi#piselli#prosciutto osso#virtù teramane

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.