Seguici su Facebook Seguici su Instagram
News ed EventiNewsAlga spirulina, il verde che fa bene, il verde sostenibile

Alga spirulina, il verde che fa bene, il verde sostenibile

Verde ma tendente al blu, ricca di micro nutrienti, derivante da coltivazioni etiche e sostenibili. L'alga spirulina italiana è questo e molto altro

Condividi

La FAO la definisce come “Cibo del futuro” per via dei suoi elevatissimi valori nutrizionali e del suo bassissimo impatto ambientale. L’alga spirulina, di colore verde-blu, è l’alimento che contiene in assoluto il tasso più alto di proteine vegetali, circa il 60-65%, non solo, ha un apporto calorico e di colesterolo talmente basso da essere una vera e propria alleata degli sportivi, di chi vuole condurre un regime alimentare sano ed energizzante, dei vegani, dei celiaci oppure di chi soffre di carenze nutrizionali. Cosa contiene? Forse facciamo prima a raccontarvi cosa non contiene! L’alga spirulina è un alimento completo, contiene proteine, lipidi e amminoacidi, omega 3 e 6, vitamine, minerali e antiossidanti… Insomma, ci aiuta a proteggere il nostro sistema immunitario, contrasta i radicali liberi che causano l’invecchiamento precoce e fornisce un notevole boost di energia! Grazie alle sue proprietà nutrizionali ma, soprattutto per l’abbondanza di proteine e ferro, l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) annovera l’alga spirulina tra i superfood. 

L’alga spirulina è italiana

Un new business che non poteva mancare anche in Italia. Lo sanno bene Andriani (produttore italiano di pasta gluten free) e ApuliaKundi (giovane start up pugliese specializzata nella ricerca di micro alghe e in produzione di spirulina K bio) che hanno avviato una partnership per raggiungere un unico obiettivo, quello dell’agricoltura nel rispetto della sostenibilità ambientale, per preservare le risorse naturali senza sprecarle. Così, è stato installato un impianto di coltivazione di alga spirulina presso la sede di Andriani a Gravina in Puglia. Per la coltivazione e produzione di alga spirulina, lo stabilimento utilizza solamente acqua proveniente dal processo di produzione della pasta, un’acqua che viene processata per poter essere impiegata nella coltivazione dell’alga. Il risultato? La partnership ha dato vita all’economia circolare dell’alga spirulina, producendone una 100% italiana, sostenibile, biologica, naturale e salutare.

Il processo produttivo dell’alga spirulina

192352Viene coltivata in apposite vasche, raccolta, pressata, estrusa ed essiccata a freddo per non farle perdere le meravigliose proprietà nutrizionali. Ciò che se ne ricava viene utilizzato dalle due aziende: da ApuliaKundi per la produzione di alimenti funzionali e da Andriani per la produzione di pasta bio gluten free.

L’alga spirulina italiana è sostenibile

Coltivare l’alga spirulina in modo naturale ed etico non comporta danni per l’ambiente. Possiamo affacciarci ad una green era dell’agricoltura moderna di alga spirulina che, se coltivata correttamente e nel rispetto della sostenibilità, come quella prodotta negli stabilimenti Andriani è in grado di abbattere i gas serra e di catturare la CO2. Non solo, la sua produzione non contamina le acque e ne richiede un impiego minore rispetto alle altre coltivazioni, non intacca le foreste e non richiede l’utilizzo di erbicidi o pesticidi dannosi.

Come si assume l’alga spirulina?

In commercio la si trova sottoforma di integratori, in polvere o in fiocchi, come ingrediente base per alimenti ad alto contenuto proteico. L'alga spirulina in polvere o fiocchi potete aggiungerla a frullati di frutta, yogurt o insalate. Ma se siete degli irriducibili golosi ecco per voi una ricetta proteica ma dolcissima: degli energy truffle a base di spirulina.
Cliccate qui per scoprire come utilizzarla al meglio in cucina!

ottobre 2021
Giulia Ferrari

Abbina il tuo piatto a

Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.