Aloe: contiene 200 principi per la bellezza e il benessere

Aloe: contiene 200 principi per la bellezza e il benessere

Dalla pelle alle viscere, l’aloe aiuta il nostro organismo nella sua interezza, grazie alle sue proprietà disintossicanti, immunostimolanti, antiossidanti, antinfiammatorie.

Pinterest
stampa
aloe
Sale&Pepe

A come Aloe. Il nuovo alfabeto del benessere può cominciare proprio da lì. Una pianta che sempre più è alla ribalta delle cronache, proprio per le sue molteplici virtù per la nostra salute e la nostra bellezza.

Gli antichi egizi la chiamavano pianta dell’immortalità, e per i nativi americani era la bacchetta magica del paradiso. L’aloe vera – la varietà di aloe che si usa per le sue proprietà - è una pianta ”succulenta”, che cresce nei climi caldi e secchi. Sono stati individuati oltre 200 principi attivi benefici alla salute umana (tra cui minerali, vitamine, aminoacidi, enzimi, fosfolipidi, ormoni vegetali, polisaccaridi etc)  di cui oltre 160 solo nelle sue foglie, quelle lunghe spade – o bacchette magiche! - carnose, bordeggiate da spinette, farcite di gel così provvidenziale.

La pelle e l’estate

Partiamo proprio da lì: l’aloe è di grande aiuto alla pelle, per questo è sempre più utilizzata in creme e prodotti per il corpo. Dopo il sole, per idratare, lenire, rinfrescare, riparare e prevenire i danni causati dal sole e garantire un’abbronzatura bella&sana, e anche in caso di scottature, per calmare la nostra “buccia” è l’ideale. Si può applicare il gel delle foglie direttamente sulla pelle – oramai questa pianta si trova anche in vendita a “mazzi” di due o tre foglie, per esempio presso i distributori di frutta e verdura bio. Anche per psoriasi e acne è di grande beneficio. Stimola la produzione di collagene e, in generale, può essere usata al posto della crema idratante per corpo, viso, contorno occhi per le piccole rughe. In impacco con costanza, aiuta a migliorare l’aspetto della pelle con cicatrici o macchie scure, e fa bene persino ai capelli, prima dello shampoo.

Detox à gogo, a partire dalla cucina

La bella stagione è anche tempo di purificazione, di alimentazione particolarmente ricca di fresca frutta e verdura. Di centrifughe e frullati. Imparate ad aggiungere l’aloe: parliamo del gel, che si nasconde dietro alla dura pelle verde della pianta e si ottiene facilmente tagliando la foglia in due parti per la lunghezza e scavando poi dentro con un cucchiaio o un coltello. Il gel è trasparente (non grattate via lo strato biancastro che lo separa dal verde) e amarognolo, quindi è bene mischiarlo con frutta zuccherina, ma per l’intero organismo è un vero toccasana. Si può anche tranquillamente frullare con succhi di frutti già pronti, come quello d’aranci, oppure in un rinfrescante limone e zucchero. O, ancora, per creare un vero e proprio cocktail detox. L’aloe ha innegabili effetti disintossicanti e antiossidanti, combattendo l’invecchiamento cellulare e i radicali liberi che lo provocano. Bere aloe significa aiutare il sistema immunitario, a essere in equilibrio, combattere virus e batteri nocivi. Ma non solo.

Antinfiammatorio per l'apparato intestinale 

Tra le tantissime virtù, l’aloe ha anche importanti benefici Le sue proprietà antinfiammatorie aiutano in particolare l'apparato intestinale, chi soffre di gastriti, coliti e altri tipi di infiammazione. Il latex contenuto nell’aloe ha proprietà lassative: usata in dosi eccessive, può provocare diarrea a crampi. Si ottiene tramite l’incisione della superficie delle foglie, che vanno messe una decina di minuti in posizione verticale e fatte "drenare": il liquido giallognolo che fuoriesce è la resina che contiene il latex, appunto (occhio che non si mischi col gel, se volete usare quest'ultimo). La ricerca deve ancora verificare le presunte proprietà antitumorali dell'aloe, che comunque sicuramente aiuta chi subisce trattamenti pesantissimi per l’organismo quali la chemio o la radioterapia.

Coltivarla sul balcone

L’aloe vera è facilissima da coltivare, anche sul balcone di casa, che sarebbe sicuramente il nostro fornitore ideale. Altrimenti il mercato è oramai ricco, appunto, di prodotti a base di aloe, che è bene scegliere il più puri possibile: per il gel, oltre all’aloe possono contenere solo i minimi conservanti necessari, come l’acido citrico o il sorbato di potassio. Il gel dell’aloe vera si ossida facilmente a contatto con aria e luce, perdendo gran parte delle sue proprietà. Incidete le foglie solo all’ultimo, dunque, appena prima di utilizzarle. Magari come ingrediente segreto e speciale per le vostre ricette di fantasia, a partire da un ghiotto e sanissimo gelato casalingo all’aloe! Preparalo nella gelatiera è davvero semplice, con i classici latte, panna - anche vegetali, zucchero (e volendo sciroppo di glucosio), a cui aggiungere il gel di aloe. Chi lo desidera, può arricchire con tuorli d'uovo (o agar-agar) e frutta a piacere, per esempio ananas, pesche o mirtilli.

Carola Traverso Saibante
18 maggio 2016
Foto: Flickr/Rae Allen

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it