Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Far bretone, comfort food alla francese

Far bretone, comfort food alla francese

Viene dalla Bretagna questo morbido dolce di crema, arricchito tradizionalmente con prugne secche rinvenute in rum o sidro

Pinterest
stampa
Far breton (Foto © Leplat, Véronique /the food passionates /Corbis)
Sale&Pepe

Il far è un dolce sobrio, essenzialmente un flan dalla consistenza morbida, spesso arricchito con frutta e cotto nel forno caldo. Perfetto nella sua semplicità, di ingredienti come di esecuzione, è un comfort food alla francese, ideale da servire tiepido con il tè nelle serate invernali o freddo nei mesi caldi.

Cibo contadino per eccellenza, deve la sua speciale bontà alla genuinità degli ingredienti che le massaie bretoni avevano a disposizione freschi di fattoria: come il locale burro, leggermente salato. Nato secoli fa nelle cucine di campagna - la prima traccia scritta della sua ricetta risale al 18° secolo - come gli altrettanto rustici cugini, clafoutis e tarte tatin, il far bretone ha varcato i confini della Bretagna e ha conquistato un posto fra i gâteau francesi più noti all’estero, al pari della sontuosa Saint Honoré, del goloso Paris-Brest o degli ambiziosi éclair.

Come tutte le ricette di cucina popolare, il far negli anni ha subito trasformazioni e variazioni, secondo i tempi, i gusti e le aree geografiche. A Saint-Pol-de-Léon, nella Bretagna che si affaccia direttamente sul Canale della Manica, lo si prepara senza aggiungere frutta, semplicemente spolverizzato di zucchero; nella penisola del Quiberon, nel Golfo di Biscaglia, lo si cucina secondo la ricetta classica; a Brest preparano il far aux griottes, con le ciliegie sotto spirito (senza naturalmente rivenirle nel liquore) oppure in una versione con l’uvetta; altrove si mescolano albicocche secche alle prugne.

Di solito viene servito tagliato a fette o a quadrati, ma anche morbidissimo in cocotte monodose. Il tipico far breton aux pruneaux è preparato con prugne secche, ammollate in rum o sidro, che in Bretagna è di casa. Se preferite una versione senza alcol, potete sostituirlo con un blando tè Earl Grey, che si sposa a meraviglia con le prugne.

di Francesca Tagliabue, in cucina Livia Sala, foto di Maurizio Lodi, styling Laura Cereda

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it