Sale&Pepe: scopri il numero di luglio 2018

Sale&Pepe: scopri il numero di luglio 2018

La curiosa storia di Libereso Guglielmi, il giardiniere di Calvino che ha tradotto la passione per piante ed erbe nelle sue originali raccolte di ricette

Pinterest
stampa
001_SA07_2018_00 Cover LUGLIO_1 (1)
Sale&Pepe

96961Ho un piccolo giardino, un fazzoletto di terra che vive una vita parallela alla casa. Qui volano insetti, sbocciano fiori, si posano uccelli, qui nascono grosse pere da un pero nano, crescono erbe aromatiche e il glicine mostra la sua arroganza. Ho scelto di non avere un giardino lezioso, di governarlo quel tanto che basta perché non prenda il sopravvento. Per caso mi sono imbattuta in Libereso Guglielmi: il giardiniere di Calvino che non amava i giardini all’italiana.

Ringrazio il mio amico e collega Claudio Porchia per avermene parlato, lui che invece ha avuto la possibilità di stargli a fianco per circa dieci anni e di redigere con lui diversi libri di ricette. Perché per il giardiniere Libereso piante e fiori finivano in bocca. Naturalista, scrittore, disegnatore, è scomparso due anni fa, a 91 anni. Nato sulle colline di Bordighera da una famiglia di anarchici, vegetariani e studiosi di esperanto (il suo nome vuol dire libertà), aveva cominciato a lavorare a 15 anni presso la stazione sperimentale di floricoltura di Sanremo diretta da Mario Calvino, agronomo, professore universitario, padre del noto scrittore e suo mentore: “Era un grande uomo Mario Calvino”, ha dichiarato Libereso, “conosceva ogni tipo di pianta, per esempio ogni specie di avocado e di pompelmo. Le ha portate lui per la prima volta in Italia”.

162348Quindici anni lui, quasi coetaneo Italo, Libereso con in mano le forbici da potatura e Italo che sbuffava e ripeteva che voleva fare il giornalista, non badare al giardino. Poi, una volta cresciuto, è andato in giro per il mondo e infine il ritorno a Sanremo e i libri di ricette: “Oggi si consumano pochissime specie vegetali e ci perdiamo un’infinità di sapori... si potrebbero creare nuove varietà di verdure e invece mangiamo sempre le stesse. Com’è buono il Tropaleum (nasturzio), i fiori si mettono in insalata, i boccioli si usano come capperi, anche il fiore d’Abutilon è squisito!

Togli stami e pistillo e riempi la corona con il gorgonzola”. Trovare le sue ricette non è facile, navigando in rete qualche libro si trova ancora oppure bisogna chiedere a Claudio Porchia. Ma il suo ricordo rimane, basta leggere il Barone rampante: quel Cosimo Piovasco di Rondò, protagonista del libro che non volle mangiare lumache e si arrampicò su per l’elce, era Libereso. Lo spunto, un episodio adolescenziale: in un bosco dove i pini erano molto fitti Libereso e altri ragazzi si spostavano di ramo in ramo senza scendere e Italo Calvino li guardava da terra.

Su Sale&Pepe di luglio trovi anche:

LASAGNE morbide bontà anche d'estate

MOZZARELLA FAMILY, burrata, stracciatella e fior di latte

ZUCCHINE E FIORI delizie dell'orto

La ricetta del direttore

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it