Come curare il raffreddore… a tavola

Come curare il raffreddore... a tavola

Alimenti ricchi di vitamina C, ma non solo. I malanni invernali si curano anche mangiando i cibi giusti, in grado di rafforzare le difese immunitarie, favorire la secrezione del muco e funzionare come antisettico.

Pinterest
stampa
Man enjoying a hot drink
Sale&Pepe

Il miele contro il mal di gola e le arance ricche di vitamina C contro il raffreddore sono un classico e appartengono all’immaginario comune. Non c’è nonna che non li abbia consigliati e tutt’ora anche i raffreddati più medicalizzati ricorrono, a fianco di pastiglie di ogni tipo, a una bella spremuta di mattina e a una tazza di latte caldo con miele la sera per lenire i sintomi del raffreddore. Ma in realtà ci sono altri cibi e alimenti che aiutano a curare i malanni da raffreddamento, spesso utili quanto la vitamina C e il miele che però li oscurano da sempre.

97565Intanto è bene ricordare che la vitamina C non è solo nelle arance, nei limoni e nei kiwi, ma la si trova anche in alcune verdure, tra le quali carote, spinaci e zucche. Tutti alimenti che peraltro si prestano a essere fruiti sottoforma di delicate vellutate.

Sembra inoltre che anche il consumo di yogurt con fermenti lattici vivi o comunque probiotici sia un ottimo rimedio per il raffreddore, poiché le difese immunitarie vengono potenziate.

Utilissimo è anche lo zinco, che si trova nei molluschi, nella carne e nei cereali integrali e che viene considerato un minerale formidabile per rafforzare le difese immunitarie, facilitando la regressione del temuto raffreddore.

Da tenere sempre presenti lo zenzero per il mal di gola accanto al più popolare miele e persino la frutta secca che, contenendo l’acido acetilsalicilico, funziona come una sorta di aspirina naturale. 

Per aiutare il sistema immunitario sono comunque efficaci anche gli alimenti contenenti la vitamina A (latte, uova e burro), mentre l’aglio e la cipolla sono rinomati per avere proprietà antisettiche, grazie rispettivamente all’allicina e ai flavinoidi.

16577Infine i broccoli, i cavoli e la verza, appartenenti al gruppo delle crucifere, hanno proprietà antiossidanti e facilitano la secrezione del muco. Ma è anche importante come vengono consumati e fruiti tutti questi cibi: per esempio per quanto riguarda il succo di limone è ideale consumarlo caldo, al mattino, mentre le verdure danno il massimo delle loro proprietà da crude (mantenendo intatte le loro proprietà). La cosa meravigliosa è che gli antibiotici, le aspirine e i farmaci antisettici esistono in qualche modo già in natura, certo meno potenti ma comunque efficaci. Pensate al grog: cannella, chiodi di garofano, limone e miele che ha curato intere generazioni malate di raffreddore.

Emanuela Di Pasqua,
22 dicembre 2015

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it