Ricevere gli amici: 7 regole d’oro per una serata di successo

Ricevere gli amici: 7 regole d’oro per una serata di successo

Pinterest
stampa
31012532 - group of friends making toast around table at dinner party
Sale&Pepe

A chi non piacerebbe essere ricordato come l’ospite perfetto, gli amici entusiasti della cucina e della vostra accoglienza? Gli ingredienti necessari per raggiungere il risultato ottimale in realtà sono pochi e semplici: ecco i nostri consigli, compreso qualche tranello da evitare.

1_La compagnia è la chiave di volta della serata. Invitate chi tra gli amici abbia voglia di divertirsi e socializzare, chi per l’occasione sia capace di lasciarsi alle spalle le preoccupazioni lavorative, chi abbia passioni simili o comunque non contrastanti (evitate di mettere a tavola due convinti sostenitori di politiche differenti, per esempio, oppure il collega cacciatore abituale insieme a vostra cugina, da sempre sostenitrice della Lega per l'Abolizione della Caccia: correreste il rischio di vedere nascere delle discussioni accalorate che finirebbero per imbarazzare i presenti).

Incoraggiate invece ospiti che provengano da settori o lavori diversi, per garantire conversazioni interessanti e scambi di vedute e per vedere nascere nuove amicizie. Fate sedere chi è timido vicino a un chiacchierone, senza circondarlo però, o non spiaccicherà parola tutta la sera.

Come padroni di casa, siete i “timonieri” della conversazione: evitate se possibile che si vada su argomenti come malattie, politica, religione, denaro…

Se non avete una location generosa negli spazi, che permetta a un gran numero di persone con interessi dissimili di suddividersi in gruppetti senza causare attriti, il consiglio è di invitare un piccolo gruppo di amici per volta, cosa che vi permetterà inoltre di organizzare più di una cena senza problemi.

2_Se gli intervenuti non si conoscono tra loro, potreste offrire un aperitivo di benvenuto in salotto, con un paio di stuzzichini: è un ottimo modo per gli ospiti di rompere il ghiaccio, mentre voi terminate i vostri preparativi in cucina. Prevedete anche un aperitivo analcolico.

3_L’atmosfera gioca un ruolo fondamentale. Scegliete una colonna sonora mirata per la serata, tenendo in considerazione il “mood” che vorrete evocare: se la compagnia è di quelle che si godono buon cibo e un bicchiere di vino con una bella conversazione, evitate musica assordante e rumorosa e scegliete un sottofondo gradevole ma discreto; se pensate di spostare qualche sedia e ballare in compagnia, organizzatevi di conseguenza con una playlist tutta energia. In ogni caso, pensate prima, selezionate i brani giusti e componete la colonna sonora adatta alla vostra serata. Creare un ambiente piacevole con luci calde e soffuse.

4_Incoraggiate i vostri ospiti ad abbandonare i loro telefonini per qualche ora. Per l’occasione, mettete un cestino all’ingresso dove gli invitati lasceranno il loro telefonino. Non c’è niente di più deleterio per l’atmosfera di avere i partecipanti alla serata che navigano su Facebook o mandano messaggi durante la conversazione, anche se sostengono di essere dei maghi del multitasking! Sicuramente i vostri ospiti saranno d’accordo di godersi una seratina senza elettronica. Eccezioni si possono naturalmente fare se uno degli invitati deve dare la sua reperibilità, per esempio se è un medico. E anche quando arrivano in tavola le portate che avrete preparato: via libera a tutti di postarle su Instagram!

5_La tavola apparecchiata è protagonista e parla di voi. Non è necessario tirare fuori i cristalli e l’argenteria della nonna, ma una tavola curata, anche la più semplice, fa’ sempre il suo effetto; se vi piace, scegliete un tema coordinato al menu (etnico, di mare, etc.). Apparecchiate prima che arrivino gli ospiti.

Fate in modo che il tavolo da pranzo non sia troppo affollato: non avere spazio per il bicchiere o un piattino perché ci sono troppi vasetti, decorazioni e segnaposto è fastidioso. Piuttosto liberate il top di un mobiletto nelle vicinanze, destinandolo a ospitare il pane, i vassoi e i piatti di servizio più grandi. Acqua e vino lasciateli sul tavolo.

6_Scegliete un menu sfizioso e goloso, cercando di selezionare ricette che vi permettano di prepararne almeno una parte il giorno prima, liberandovi da una serata di corvè ai fornelli. Non scegliete pietanze insolite che non avete mai cucinato e che non sapete come vi verranno, andate sul sicuro.

Ricordate di non impiegare gli stessi ingredienti per più di una portata, rispettando la stagionalità. Prevedete un ampio grembiule per non sporcarvi in cucina.

Servite sempre vino rosso e vino bianco, indipendentemente da quanto avrete cucinato: gli amici solitamente hanno le loro preferenze e scelgono in base al gusto personale. Stesso vale per acqua naturale e frizzante.

Il menu non dev’essere troppo pesante e ricordate sempre di informarvi in anticipo se ci sono allergie, preferenze e intolleranze alimentari tra gli ospiti.

7_Il dopo cena. Alla fine del pasto i vostri amici sorridono, la cena è stata ottima e la serata sta andando per il meglio. Se vi spostate in salotto per il caffè, un drink o un amaro, predisponete un numero sufficiente di piani d’appoggio accanto a divani e poltrone (vi consigliamo di tirar fuori i sottobicchieri).

Divani e poltrone saranno in ordine, senza plaid, telecomandi, peli del gatto o del cane (grazie ai praticissimi rulli) e troppi cuscini.

La conversazione proseguirà, altrimenti vi verranno in aiuto i giochi di società, in scatola o meno, da fare da soli o a squadre. Cercate di non accendere il televisore.

Evitate l’ansia da prestazione e tutto andrà per il meglio.


Giulia Paganelli
febbraio 2017

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it