L’apicoltore che produce miele sui tetti di Londra

L’apicoltore che produce miele sui tetti di Londra

Steve Benbow ha installato le sue arnie sui tetti di alcuni tra i più importanti edifici simbolo della capitale inglese

Pinterest
stampa
miele
Sale&Pepe

Tutto è iniziato per caso 15 anni fa, quando Steve Benbow provò a installare il suo primo alveare “importato” dalle campagne del Gloucestershire sul tetto del condominio dove abitava, a Londra. Le api ringraziarono iniziando a produrre un nettare squisito. Da allora questo stravagante apicoltore urbano non si è più fermato, trasformando la sua passione ereditata dai nonni apicoltori in un lavoro full time.

Oggi è il proprietario del London Honey Co., un negozio che vende miele, candele e altri prodotti realizzati con il prezioso nettare prodotto dalle sue api. Le arnie sono collocate in trenta angoli diversi della City, sui tetti di alcuni dei più importanti edifici come la National Portrait Gallery a Trafalgar Square, la Tate Modern e la Tate Britain, che tra l’altro vendono in esclusiva il miele prodotto nelle arnie con vista sul Tamigi. L’insospettabile operosità delle api in città secondo Benbow è da collegare alla grande varietà di piante che contraddistingue il capoluogo britannico, con i suoi giardini e i parchi sconfinati. L’operoso lavorio delle api si può seguire in diretta all’interno del negozio di Benbow, grazie a un sistema di telecamere installate vicino alle arnie dove viene depositato il miele.

Steve tiene anche corsi e workshop (il prossimo avrà inizio il 15 giugno per un massimo di 8 persone) dove, oltre a insegnare a raccogliere e preparare il miele in città, cerca di sensibilizzare sull’importanza delle api per l’ecosistema (Fonte: food24).

Silvia Tatozzi,
22 maggio 2014

Photo credit: © Heidi & Hans-Juergen Koch/Minden Pictures/Corbis

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it