Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Il crumpet con paté, melograno e alchechengi

  • 20 minuti PT20M
  • FACILE
  • kcal 200
  • -/5
crumpet-con-pate-melograno-e-alchechengi
Sale&Pepe

Ingredienti per 8 persone

CREA LISTA DELLA SPESA

Preparazione del crumpet con paté, melograno e alchechengi

1) Per preparare la ricetta del crumpet con paté, melograno e alchechengi, versa 1,5 dl d'acqua in una casseruola e scaldala leggermente, poi trasferisci l'acqua in una ciotola con il lievito di birra disidratato e lo zucchero e mescola fino a formare una schiuma. Dopodiché unisci la farina, mezzo cucchiaino di bicarbonato, un pizzico di sale e il latte. Infine mescola bene per amalgamare i vari ingredienti, poi copri la ciotola e lascia riposare l’impasto in un ambiente tiepido per almeno un’ora.

2) Trascorso il tempo indicato, scalda una padella antiaderente e imburrala leggermente, poi spalma di burro 4 tagliapasta del diametro di 6 cm e disponili nella padella. A questo punto versa mezzo mestolino di pastella in ciascun tagliapasta, poi cuoci a fiamma bassa per circa 5-6 minuti. Non appena cominceranno a formarsi dei piccoli buchi all’interno della pastella, gira i crumpet e prosegui la cottura per altri 2-3 minuti.

3) Man mano che i crumpet sono pronti, avvolgili nei fogli di alluminio e tienili in caldo in forno a 50°, poi servili tiepidi con il paté di fegato d’oca, una macinata di pepe, il dragoncello, l’erba cipollina, le foglie di songino, i chicchi di melograno e gli alchechengi.

Crumpet con paté, melograno e alchechengi: come scegliere e pulire gli alchechengi

Gli alchechengi utilizzati per guarnire i crumpet con paté devono essere ben maturi, pertanto scegli solo frutti sodi e dal colore uniforme. Al fine di salvaguardarne la bontà delle bacche consiglio di lavare molto bene il frutto, soprattutto nel punto d’innesto del picciolo dove si raccoglie una sostanza resinosa, una volta eliminata la membrana esterna.

Pubblicato il 20/05/2015

Condividi la ricetta



Abbina il tuo piatto a

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it