È modenese e lavora in Svizzera il nuovo campione mondiale della pasta

È modenese e lavora in Svizzera il nuovo campione mondiale della pasta

“Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia e Mojito”: con questa ricetta Luca Torricelli, chef del ristorante “L’Argentino” di Lugano, si è aggiudicato la terza edizione del “Pasta World Champion” organizzato dal'”Academia Barilla”

Pinterest
stampa
Luca Torricelli - Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia al Mojito Luca Torricelli - Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia al Mojito
Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia al Mojito Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia al Mojito
Luca Torricelli Luca Torricelli
Giuseppe Zanotti - Orecchiette, crema di patate affumicate, salsiccia di maiale, essenza di aneto, chiosco di pane viola Giuseppe Zanotti - Orecchiette, crema di patate affumicate, salsiccia di maiale, essenza di aneto, chiosco di pane viola
Giorgio Nava - Il peperone del Capo incontra il meglio di Parma Giorgio Nava - Il peperone del Capo incontra il meglio di Parma
Armando Capochiani - Rigatoni con crema di scamorza al tartufo bianco Armando Capochiani - Rigatoni con crema di scamorza al tartufo bianco

Questa volta il campione del mondo nella preparazione di una ricetta con la pasta è un modenese. Luca Torricelli, classe 1985, diplomato alla scuola alberghiera di Serramazzoni, in provincia di Modena, attualmente direttore della cucina del ristorante L'Argentino di Lugano (Svizzera), ha vinto la terza edizione del "Pasta World Champion" organizzato dall'"Academia Barilla" con i suoi "Spaghetti con gamberi rossi di Sicilia al Mojito".

Torricelli, ha avuto la meglio su altri tre finalisti: Giorgio Nava, vincitore della scorsa edizione e chef del ristorante "95 Keroom" di Città del Capo (Sudafrica), con la ricetta "Il peperone del Capo incontra il meglio di Parma"; Armando Capochiani, del ristorante "Pasta fresca da Salvatore" di Shanghai (Cina), con i "Rigatoni con crema di scamorza al tartufo bianco"; Giusepope Zanotti, consulente di più ristoranti a Malta, con le "Orecchiette, crema di patate affumicate, salsiccia di maiale, essenza di aneto, chiosco di pane viola".
Questi quattro chef sono arrivati in finale dopo aver superato la fase eliminatoria a cui hanno partecipato 25 colleghi provenienti da 23 Paesi diversi in cui fanno da ambasciatori della cultura gastronomica italiana.

Il premio è stato assegnato da una giuria presieduta dal direttore dell'"Academia Barilla" Gianluigi Zenti, Paolo Barilla, vicepresidente del Gruppo, consegnando il premio a Torricelli ha detto: "La pasta è da sempre uno dei cibi più amati ovunque. Noi abbiamo tanti chef nel mondo, molti di origine italiana, che sono i più grandi ambasciatori della nostra cucina. L'idea di questo campionato mondiale è quella di rendere questo prodotto ancora più popolare come simbolo della nostra identità e cultura".

Proprio per tale motivo, a margine della competizione che ha incoronato il nuovo campione, si sono svolti una serie di dibattiti che hanno avuto come tema la promozione dell'autentica cucina italiana nel mondo, la sua difesa dalle falsificazioni sempre più sofisticate e le strategie per una sempre più efficace diffusione dei prodotti agroalimentari del nostro Paese.

13 giugno 2014
Alessandro Gnocchi

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it