Antibiotici? I cibi che limitano i danni

Antibiotici? I cibi che limitano i danni

Indispensabili per contrastare le infezioni batteriche, gli antibiotici sono tra i farmaci più aggressivi per il nostro organismo, soprattutto a carico di stomaco e intestino. Ma, seguendo un’alimentazione corretta, è possibile limitarne gli effetti collaterali

Pinterest
stampa
Capsules, pills and gel caps
Sale&Pepe

Condividi

Secondo una recente ricerca, il 57% degli italiani nell’ultimo anno ha assunto antibiotici, con un picco nei mesi invernali, complici le basse temperature e i malanni stagionali. Ma questi farmaci, indispensabili e risolutivi per combattere le infezioni batteriche, sono spesso molto aggressivi per il nostro organismo, soprattutto nei confronti di stomaco e intestino. Dissenteria, acidità di stomaco e diarrea sono tra gli effetti collaterali più comuni. Ma gli esperti rassicurano, introducendo nella dieta alcuni alimenti durante la terapia antibiotica, è possibile evitare il peggio. Ecco quali:

Yogurt
Tra i latticini è il solo ben tollerato. Infatti latte e formaggi non sono indicati, perché possono provocare dissenteria e rallentare la digestione. Lo yogurt invece, meglio ancora se parzialmente scremato, è ricco di probiotici, microrganismi che aiutano a ripristinare la flora batterica. E’ bene continuare ad assumerli anche dopo la fine dei ciclo di antibiotici.

Riso
Bollito o cotto al forno (pilaf) è il carboidrato più indicato: ricco di vitamine del gruppo B, che aiutano a riequilibrare la flora batterica, è facilmente digeribile e combatte l’acidità di stomaco e la dissenteria. Per qualche giorno è meglio evitare quello integrale, ricco di fibra, ma potenzialmente irritante per lo stomaco.

Banane
Sono un prezioso alleato contro l’acidità di stomaco, oltre a svolgere un potente effetto astringente a livello intestinale. Ricchissime di potassio, vitamine e minerali, sono tra gli alimenti più indicati per combattere stanchezza e astenia dovute all’assunzione prolungata di medicinali così aggressivi.

Patate, carote e finocchi
Un piatto di carote e patate cotte al vapore sono un vero e proprio toccasana contro eventuali episodi di dissenteria e un antidoto naturale contro l’acidità di stomaco. Il finocchio, oltre a essere una miniera di vitamine e acido folico, è facilmente digeribile e svolge un efficace effetto calmante in caso di mal di stomaco.

Fondamentele poi, bere tanto per evitare la disidratazione, acqua in primis ma anche frullati e centrifugati di frutta e verdura. Perfetto anche il tè verde, ricco di tannini che esercitano un’azione antinfiammatoria e antidiarroica riducendo l’infiammazione intestinale.

Meglio scegliere carni e pesci magri cucinati con pochi grassi e, nel caso di pasta o riso, condirli solo con un filo d’olio e parmigiano reggiano. Caffè, dolci e alimenti fritti dovranno attendere.

Silvia Tatozzi
19 febbraio 2015

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it