Alimentazione corretta e diete mirate? La risposta è nel DNA

Alimentazione corretta e diete mirate? La risposta è nel DNA

Grazie ad una serie di ricerche italiane
sono stati individuati i geni negli alimenti
che ci fanno odiare o amare i cibi

Pinterest
stampa
Collage of an overweight man measuring waist, fresh fruit and vegetables, a drop of blood, a blood glucose monitor, and DNA
Sale&Pepe

La predilezione per i cibi si nasconde nel Dna.
A svelarlo sono due studi presentati in occasione della conferenza annuale dell' European Society of Human Genetics tenutasi quest'anno a Milano. Nell' indagine condotta da Nicola Piratsu e Antonietta Robino, ricercatori dell' Università e dell'IRCCS Burlo Garofalo di Trieste, sono stati identificati i geni coinvolti nella determinazione dei gusti e delle preferenze alimentari. La scoperta apre la strada a vere e proprie diete genetiche personalizzate, efficaci non solo per perdere peso, ma anche per tenere alla larga malattie come tumori, depressione e ipertensione.

La ricerca si basa sul confronto tra le preferenze alimentari e i profili genetici di 4 mila volontari, di cui più della metà italiani.
Ciò che è venuto alla luce, è uno specifico gene contenuto in 17 cibi, tra cui pancetta, vino bianco, broccoli e carciofi, responsabile del gradimento o del rifiuto verso un determinato alimento.

Gli studiosi hanno capito così che questo tipo di geni agiscono da discriminanti del palato per le persone che ingeriscono gli alimenti, inducendole a prediligere un determinato sapore e a rifiutarne altri. La propensione o il rifiuto verso un cibo specifico, dunque, non sarebbero solo una questione di abitudini o capricci alimentari.

Grazie a questa scoperta epocale, secondo i ricercatori nel prossimo futuro, sarà sufficiente analizzare il profilo genetico di un individuo per scoprire non solo quale cibo gradisca ma anche cosa di quel cibo gli piaccia o no. Come spiega Piratsu "uno dei limiti delle diete è dovuto al fatto che si tratta di cibi reputati non buoni. In questo modo potremo capire cosa non mi piace degli spinaci, ad esempio, e trovare il modo per renderli più accettabili".

Patrizia Zanette
3 Luglio 2014

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it