Sale&Pepe, il numero di aprile 2014

Sale&Pepe, il numero di aprile 2014

Pinterest
stampa
cover-torta-orizzontale
Sale&Pepe

49391Dall'orto... alla rete

Mi piace ogni mese raccontarvi la storia di una ricetta che è in sintonia con me e con quello che Sale&Pepe vi offre, così come mi piace aggiungere piccole idee nate durante le riunioni di redazione, ma soprattutto mi piace veder crescere la mia rivista, adeguarsi ai tempi e alle esigenze dei lettori. Da aprile, la nostra esperienza lunga ben 27 anni entrerà a casa vostra non solo in forma cartacea, ma anche in modo virtuale grazie al nostro ricchissimo sito ai nastri di partenza. Nasce salepepe.it e la mia ricetta, insieme a tantissime altre, arriverà nella vostra cucina su pc, tablet e smartphone, creando tra noi e voi non solo un legame mensile, ma anche un dialogo quotidiano. 

Ed ecco la storia di questo mese. Ci sono località che si contendono la paternità di un piatto con paesi o città a un tiro di schioppo. 

Così è per Sezze e Priverno, comuni dell’Agro Pontino distanti una manciata di chilometri. La ricetta in questione è la bazzoffia, una zuppa profumatissima che si prepara tra aprile e maggio nel periodo dell’ultima raccolta dei carciofi e dell’arrivo di fave e piselliNon a caso a Sezze ogni anno una sagra celebra il carciofo coltivato in zona, famoso per la tenerezza, l’assenza di spine e il sapore dolce.

Tradizionalmente la bazzoffia era il piatto preparato per gli uomini al lavoro nei campi, nutriente e corroborante grazie all’aggiunta di pane raffermo, uova e, talvolta, lumache di vigna. A parte le varianti familiari nella proporzione tra fave, piselli e lattuga, la zuppa ha come prerogativa la sobbollitura paziente e il servizio in tegamini di coccio, dove il brodo deve ben bagnare il pane locale.

La rifinitura è l’uovo (semplice tuorlo o in camicia), un giro d’olio e, a piacere, pecorino romano e peperoncino. Ironia della sorte la bazzoffia, contesa tra i due Comuni, ricorda altre zuppe primaverili come la vignarola e la scafata, sempre laziali, la garmugia toscana e la frittedda sicula. Ma si sa che tutto il mondo è paese. 

di Laura Maragliano


49321Oltre alla ricetta della bazzoffia su Sale&Pepe che trovate in edicola dal 18 marzo potrete trovare:

 Pasta Matta: quando la semplicità rende speciali le torte

Acqua e semola: per pasta fresca rustica e corposa

Agnello: i tagli più nobili interpretati due volte

Fragole: il loro posto è tra impasti soffici e creme voluttuose

Il numero di Maggio sarà invece in edicola dal giorno 18 aprile.

Leggi il numero di aprile di Sale&Pepe


IN EDICOLA AD APRILE

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it