Le vicende Coca-Cola e i 10 modi per usarla nelle pulizie

Le vicende Coca-Cola e i 10 modi per usarla nelle pulizie

Accusata di ricoprire un ruolo centrale sul tema dell’obesità, non ci resta che sfruttare la bevanda più famosa al mondo per mettere in pratica i suoi numerosi impieghi alternativi

Pinterest
stampa
Coca-Cola billboard painting near Victoria Falls
Sale&Pepe

Il colosso di Atlanta ha stretto contratti milionari con influenti scienziati per minimizzare il ruolo della Coca-Cola nella diffusione dell'obesità.

La storia risale all'agosto di quest'anno quando, in un articolo del New York Times, è apparsa per la prima volta la notizia delle liaisons dangereuses tra Rhona S.Applebaum, capo della commissione scientifica di Coca-Cola, e il professor James O. Hill dell'Università del Colorado, importante ricercatore sul tema dell'obesità e presidente del gruppo no-profit Global Energy Balance Network composto da diversi scienziati universitari. 

Il New York Times sostiene che Coca-Cola abbia pagato 1,5 milioni di dollari per finanziaria una ricerca scientifica a suo favore, tra cui una borsa di studio di 1 milione di dollari destinata all'Università del Colorado. E, guarda caso, il risultato della ricerca ha evidenziato il fatto che per combattere l'obesità bisogna concentrarsi principalmente sull'attività fisica e preoccuparsi meno delle calorie contenute nelle bevande gassate zuccherate.

La notizia è stata ripresa in questi giorni dall'Associated Press che ha anche pubblicato una serie di email tra il dottor Hill e i dirigenti della Coca-Cola. Inoltre ha reso noto che l'Università del Colorado ha restituito il denaro al gigante delle bibite zuccherate e che il dottor Applebaum ha deciso di andare in pensione.

Tutto bene quel che finisce bene, quindi!

Ma a noi cosa resta da fare con la Coca-Cola se non possiamo berla?
L'acidità della bibita più famosa al mondo, che ha portato molti a mettere in discussione la tossicità del prodotto, funziona come ottimo detergente per la pulizia di superfici diverse.

Ecco 10 rimedi fai-da-te per pulire con la Coca-Cola che dimostrano come il suo consumo non sia indicato per la nostra salute:

1. Rimuovere la ruggine: spruzzare la Coca-Cola sulle parti da trattare, lasciare agire per qualche minuto e passare un foglio di alluminio; per la ruggine più ostinata si consiglia di ripetere l'operazione un paio di volte.

2. Rendere più brillante l'alluminio ed eliminare la vernice dai mobili.

3. Togliere le macchie di sangue dai vestiti e dai tessuti in generale.

4. Eliminare le macchie di grasso dai tessuti, prima di procedere al normale lavaggio, e dal pavimento del garage.

5. Portare ad antico splendore il fondo bruciato di pentole e padelle versandovi la bibita gassata e portandola a ebollizione.

6. Annullare i cattivi odori: aggiunta come additivo al bucato funziona da rinfrescante per i capi d'abbigliamento

7. Usarla come anticalcare versandola nel WC e lasciandola agire per qualche minuto.

8. Rimuovere i depositi di calcare dal fondo del bollitore versandovi un bicchiere e lasciandola agire per alcune ore.

9. Smacchiare il rame e i gioielli in generale: basta inumidire un panno e passarlo sull'argenteria.

10. Sbrinare e pulire il parabrezza dell'auto.

Pare anche che sia in grado di rendere un prato più verde e rigoglioso e rivitalizzare le azalee.

Come abbiamo visto la Coca-Cola è multitasking e ha pure un costo inferiore a tanti prodotti per la pulizia della casa.
Quindi, perché non approfittarne?

Monica Pilotto
27 novembre 2015

Condividi

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it