Vota

Bianchi6Si ritiene che le Terre di Franciacorta fossero già vocate alla viticoltura in epoca medioevale, periodo dal quale derivano il proprio nome, Franchae curtes, “corte franca”, ossia esentata dalle gabelle, privilegio accordato per la presenza di numerosi conventi e abbazie. Tra i pregiati vini della zona spicca il Curtefranca.  Il suo colore giallo paglierino è illuminato da bagliori ancora citrini e mostra un’eccellente consistenza. Il legno che ha accolto questo prezioso chardonnay, durante le fasi di fermentazione e di maturazione, ha saputo amalgamarsi elegantemente ai caratteri originari del vitigno, dando vita così a un bouquet estremamente raffinato e ampio. Si riconoscono sentori di frutta gialla matura ed esotica, ananas, albicocca, profumi di cedro, fragranze floreali di acacia, e gentili venature di vaniglia. Il sottofondo è piacevolmente minerale e aromatico. Morbido e avvolgente, all’assaggio esprime qualità eccellenti, armonia, grande personalità. È equilibrato da un apporto fresco e sapido impeccabile e, sottolineando l’importante legame col  territorio, riporta al palato una perfetta corrispondenza gusto-olfattiva.