Salone da tè? Non solo, a Parigi spopola il bar-au-chocolat

Salone da tè? Non solo, a Parigi spopola il bar-au-chocolat

A Parigi è la nuova moda: grandi maestri pasticceri aprono locali dove acquistare le loro delizie, accompagnate però dalle migliori e più strane cioccolate calde

Pinterest
stampa
cioccolata
Sale&Pepe

Stanno diventando le alternative gourmand alle sale da tè: per la merenda, anzi per il gouter, a Parigi si stanno diffondendo i bar-au-chocolat, locali in cui degustare le migliori e più raffinate cioccolate calde, tra un acquisto di pasticceria e l'altro. La tendenza è divenuta moda perché dietro questa scelta si schierano alcuni tra i più noti maitre patissier di Francia, a partire da Jean-Paul Hévin, che tra il Marais e rue de Saint Honoré nella capitale parigina ha già bissato le sue cioccolaterie. E aggiunge questi piccoli gioielli alle sedi ormai aperte in tutto il mondo, da Taiwan alla Cina.

A inizio dicembre infatti nel cuore del quartiere parigino del Marais, zona ricca di locali, ristoranti, luogo unico dove vivere indimenticabili esperienze culinarie, Hévin ha aperto il suo Chocolat Bar(re): il nome inglese, gioca tra il locale, bar, dove gustare le sue cioccolate in tazza e la barretta di cioccolata, da lui finemente prodotta e venduta in ogni sua declinazione artistica nel negozio. L'indirizzo, per chi nelle feste volesse andare a provare, è rue de Bretagne 41, nel terzo arrondissement parigino (clicca qui). Il primo e più noto suo locale è nell'elegante rue de Saint Honoré, e la formula resta la stessa: mentre si ammirano e acquistano macarons, tavolette, sculture in cioccolata, si possono degustare al bancone le migliori cioccolate calde in tazza, dalle classiche a quelle aromatizzate (se ne trovano anche di molto strane come quella all'ostrica o al tè matcha).

Anche il re dei macarons ai gusti più ricercati, il maitre chocolatier Pierre Hermé, non ha potuto resistere alla moda del bar-au-chocolat e dopo aver aperto il primo già nel 2005 a Tokyo, da novembre offre anche a Parigi, il suo Bar Chocolat Pierre Hermé Paris, all'interno del Royal Manceau, hotel situato in Avenue Hoche, a pochi passi dall'Étoile e dall'Arco di Trionfo. Qui, tra l'architettura elegante e moderna di Philip Stark e l'ambiente esclusivo, l'esperienza degustativa è tutta di avanguardia: le cioccolate sono fumanti ma anche ghiacciate, e si sposano con dessert e aromi ricercati, come la serie agli agrumi orientali, al whisky, al peperoncino.

Eva Perasso
24 dicembre 2014

  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it