Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Home News e Eventi Jeunes Restaurateurs Nuovi ingressi 2021 nella famiglia JRE Italia

Nuovi ingressi 2021 nella famiglia JRE Italia

L’attività JRE Italia non si ferma: tanti progetti e nuovi ingressi nel 2021. Ecco le novità

Pinterest
stampa
JRE 2
Sale&Pepe

L’attività di JRE (Jeunes Restaurateurs d’Europe) Italia, l’associazione di giovani chef e ristoratori talentuosi che condividono una profonda passione per il cibo, gli alimenti e la loro provenienza, non si ferma. Infatti, JRE Italia porta avanti il suo cammino di crescita, progettualità e dialogo. In occasione dell’Assemblea generale dei soci, tenutasi lo scorso 15 novembre, sono stati presentati i nuovi progetti e gli ultimi ingressi del 2021. Vediamo tutte le novità.

Come entrare a far parte della “famiglia” JRE

Per essere accolto tra i membri JRE Italia (attualmente 73 comprensivi, di cui 45 soci effettivi e 28 onorari) bisogna esssere chef e proprietari di un ristorante. Le domande di adesione vengono prima vagliate dai responsabili dei nuovi ingressi e poi valutate, tramite visita (anonima) di uno chef JRE, che prende in considerazione la proposta culinaria e il servizio. 

193043Chi sono le “new entries”

E passiamo ora i nuovi ingressi nella famiglia JRE Italia. Avevamo intervistato tempo fa una delle new entry, ovvero il giovanissimo Lorenzo di Bari, JRE onorario, titolare del Ristorante Due Spade, un locale sito sul Cernusco sul Naviglio (MI), e da sempre attivo all’interno dell’Associazione. Ora vi raccontiamo degli altri membri.

  • Daniele Patti, classe 1988 e siciliano di nascita, ha studiato presso l’Istituto Alberghiero di Pesaro ed ha svolto uno stage dal Maestro Gualtiero Marchesi, che gli ha indicato la strada maestra. Ha lavorato due anni al Circolino del Molo, sulla Riva del Monte San Bartolo e poi 2 anni al fianco di Mauro Uliassi, quando ha affinato il suo spirito culinario puntando all’innovazione e alla ricerca senza mai trascurare sostanza e materia, sapore e colore. Ha realizzato il suo sogno nel 2012 aprendo a Pesaro il ristorante Lo Scudiero.
  • Filippo Baroni, classe 1982, è chef e patron del ristorante Mater di Moggiona (AR). Nel 2004 Filippo, diplomatosi alla scuola alberghiera di Chianciano Terme, ha realizzato con i suoi fratelli Andrea e Matteo il resort “I tre baroni”. Dal 2017, con la giovane moglie Marta Bidi, gestisce il Mater.
  • Alessandro Bellingeri, trentottenne cremonese, ha studiato alla Scuola Alberghiera di Salsomaggiore. Ha iniziato il suo percorso a Venezia presso la corte di Stefano Mazzone. Al termine dell’esperienza veneziana si è trasferito prima sul lago di Garda nella casa dello Chef Riccardo Camanini, al tempo al timone di Villa Fiordaliso, e poi ad Alba, dove con Enrico Crippa ha intrapreso la strada dell’alta ristorazione. Dopo un breve periodo a Modena da Massimo Bottura (nel 2007), ha iniziato a lavorare con grandi nomi internazionali, come Martin Berasategui nei Paesi Baschi, per poi arrivare al Molin di Alessandro Gilmozzi e decidere di fermarsi nel cuore della Valle di Fiemme. Dal 2012 gestisce con la moglie Perla l’Osteria de l’Acquarol, sita a Panchià (TN).
  • Alessandro Tomolino, che coltiva la sua passione per i fornelli sin da ragazzo. Ha lavorato infatti prima nella cucina di famiglia e poi in alcuni ristoranti stellati, formandosi accanto a chef di prestigio, quali Gianfranco Vissani, Alfonso Iaccarino, Antonio Mellino, Giuseppe Aversa, Mauro Colagreco, Giorgio Locatelli e Maria Salcuni. Il giovane chef sceglie personalmente, con cura e attenzione, ogni ingrediente, sposando spesso sapori e culture diverse ma sempre nel solco dell’importante tradizione italiana e campana. I suoi piatti esaltano tutti i sensi e regalano un’esperienza unica e sempre in evoluzione, un percorso a metà strada tra il gusto della tradizione e il piacere dell’innovazione.

I progetti di JRE Italia

Tra le novità presentate da JRE Italia, inoltre, non mancano i progetti di formazione per i più talentuosi, come le lezioni che JRE offre presso l’Istituto Alberghiero E. Maggia di Stresa e L’Istituto Pellegrino Artusi di Recoaro per insegnare ai giovani non solo tecnica e sapere, ma ad avere una visione complessiva di come strutturare e affrontare il mondo della ristorazione, sia esso di sala o cucina.

Per unire gli chef JRE Italia, portavoce dell’alta cucina made in Italy, è stato invece avviato “FBO & JRE insieme per un progetto legato alla salute” con l’intento di creare una “banca” di informazioni disponibili digitalmente, denominata “FBO sempre con te”. Nel progetto saranno coinvolti 24 chef JRE Italia che forniranno ricette studiate attentamente secondo linee guida di esperti nutrizionisti per fornire i migliori suggerimenti ai malati oncologici, alle loro famiglie e agli addetti del settore alimentare. Le ricette infatti serviranno a dimostrare come, senza particolari privazioni, sia possibile mangiare di qualità con il giusto apporto nutrizionale, tenendo sempre sott’occhio quali siano gli alimenti più adeguati al malato e utili per la dieta quotidiana. Infine, nel 2022 ripartiranno le cene benefiche “Insieme-JRE per San Patrignano” con un calendario ricco di appuntamenti gourmet, durante i quali il cibo diventerà il principio di un’esperienza coinvolgente per conoscere storie e vite dei ragazzi della comunità di recupero di San Patrignano.

Novembre 2021, Marialuisa La Pietra

Pubblicato il 23/11/2021

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it