Come cuocere le verdure a vapore

Verdure a vapore cottura Sale&Pepe
Sale&Pepe

Le verdure al vapore non sono una punizione divina. Spesso prescritte nelle diete ipocaloriche, possono rivelarsi una vera sorpresa per il palato (grazie anche al giusto dressing). La cottura al vapore – applicata non solo alle verdure – è uno strumento utilissimo per assicurare al nostro corpo i nutrienti necessari. Inoltre, non hai bisogno di una vaporiera per cuocere le verdure al vapore: puoi farlo anche nel microonde. Come? Scopriamolo insieme.

Ecco tutti i segreti e i consigli di Sale&Pepe su come cuocere le verdure al vapore.

Perché scegliere cottura al vapore

Friggere, stufare, rosolare, cuocere in forno e infine, come ultima spiaggia, il vapore. Per molti questa tecnica di cottura è una punizione inflitta da abiti troppo stretti, bilance imbizzarrite e pancette in evidenza. Invece ora ti sveliamo perché scegliere la cottura al vapore è saggio e anche gustoso.

I cibi cotti al vapore sono salutari perché i nutrienti contenuti nei cibi non vengono dispersi nell'acqua bollente che utilizzi per lessarli. Inoltre, per cuocere le verdure al vapore non hai bisogno di olio extravergine d'oliva o burro. Ti suona un po' come la morte del gusto? Sbagliato. I cibi, e quindi anche le verdure cotte al vapore possono essere gustosi: basta saperli condire.

Quali verdure si possono cuocere al vapore

Hai iniziato la dieta e, tra gli alimenti da preparare, impietose, ti attendono tante verdure al vapore. Eppure anche questo piatto apparentemente punitivo può diventare un contorno sfizioso e saporito. Ma non tutti gli ortaggi supportano questa tecnica di cottura. Ecco quali verdure si possono cuocere al vapore.

La zucca al vapore, condita con aghi di rosmarino, può stupire anche l'ospite più scettico. Prova la cottura al vapore anche per broccoli e cavolfiori, due ortaggi invernali con particolari superpoteri depurativi: condiscili con un filo d'olio e del peperoncino. Anche gli asparagi traggono vantaggio dalla cottura al vapore rispetto alla lessatura. Puoi usare questa tecnica di cottura anche per patate, zucchine, carote e spinaci. Attenzione: l'unica prerogativa per la cottura al vapore è che deve essere fresca. Inoltre, per ottenere cibi cotti in modo omogeneo, cerca di tagliare fette o pezzi di dimensioni simili.

Verdure al vapore: tempi di cottura

Ora che hai scelto gli ortaggi giusti, non resta che cuocerli. I tempi di cottura per le verdure al vapore sono leggermente più lunghi rispetto a lessattura o frittura. Ma puoi superare agilmente questo inconveniente spezzettando gli alimenti prima di metterli nella vaporiera, pentola a pressione, Bimby o microonde.

Per le verdure a foglia come spinaci e rucola, i tempi di cottura si aggirano attorno ai 3 minuti. Se le zucchine a fette hanno bisogno di 5-8 minuti di vapore, per le carote a rondelle ne bastano 7. Il cavolo, il cavolfiore e i broccoli si cuociono in 5-7 minuti, mentre gli asparagi interi hanno bisogno di 7-13 minuti. I fagiolini sono pronti con 6-10 minuti di vapore: dipende se scegli di cuocerli interi o spezzettati. I finocchi a fette richiedono dagli 8 ai 10 minuti, mentre per le patate tagliate a cubetti bastano 7 minuti.

Verdure al vapore con vaporiera

Vediamo ora come cuocere le verdure al vapore con vaporiera. Iniziamo col dire che si tratta di una semplice pentola in cui far bollire dell'acqua e su cui andremo a mettere un cestello creato ad hoc per la circonferenza. Qui potrai inserire le tue verdure (ma anche carne, pesce o ravioli) per eseguire una cottura light.

Dopo aver portato a ebollizione mezzo litro d'acqua sui fornelli a fiamma vivace, chiudi la vaporiera in modo da far salire la temperatura. Poi metti le verdure pulite e sminuzzate nel cestello (o nei cestelli, se hai deciso di cuocere più ortaggi contemporaneamente) e richiudi il coperchio.

Bastano pochi minuti per portare a termine la cottura in vaporiera: aiutati con un timer per non farle stracuocere. Dopo tre minuti dall'inizio della cottura, puoi iniziare a controllare con la prova della forchetta: se si infilzano con facilità, sono pronte. Se i rebbi non penetrano fino in fondo, fai andare la cottura per un altro paio di minuti. Al termine, fatti stupire da un piccolo dettaglio: molte verdure cotte al vapore assumono un colore più deciso e brillante!

Verdure al vapore in pentola a pressione

Vuoi cuocere le verdure al vapore in pentola a pressione? Ottima idea, così risparmierai tempo. Infatti, l'aumento della pressione interna fa sì che le temperature necessarie per cuocere i cibi siano più alte. La pressione più alta dei contenitori ermetici ritarda la produzione del vapore, che si forma tra i 112° e i 125°. Tuttavia, con temperature più alte, i tempi si riducono e tanto.

Ma non credere che ciò danneggi i nostri vegetali, privandoli dei suoi nutrienti: è una cottura al vapore come le altre, solo più rapida. L'unico svantaggio è la temperatura: siccome è più alta del normale, può privare i cibi di una parte del sapore, stressandone la struttura.

Come cuocere al vapore con Bimby

Con questo elettrodomestico possiamo fare praticamente tutto (tranne la spesa). Ecco come cuocere al vapore con Bimby. Grazie alla temperatura Varoma, potrai cuocere tutte le verdure al vapore che vuoi, sfruttando tre livelli. Puoi inserire gli ortaggi più duri (come le patate) nel cestello all'interno del boccale. Quelle affettate a rondelle potrai sistemarle nel primo o nel secondo vassoio, da posizionare sul coperchio del boccale senza misurino. Se hai scelto di abbinarci un piatto di carne o pesce, questi cibi vanno messi nel vassoio più alto.

Bastano 25 minuti, temperatura Varoma, velocità uno per portare a termine la cottura. Dai una sbirciatina alle verdure cinque minuti prima della fine per valutare l'esatta consistenza degli ingredienti e scegliere se renderle più morbide, prolungando la cottura, oppure se mangiarle più croccanti.

Come cuocere al vapore con microonde

Non c'è solo la vaporiera o il Bimby: scopriamo ora come cuocere al vapore con microonde. Puoi utilizzare questa tecnica di cottura per carne, pesce o verdure. L'unica condizione per poter cucinare al vapore con microonde è quella di avere un contenitore di plastica che supporta questa tecnica. Esistono anche delle vere e proprie vaporiere da microonde, con uno scomparto per l'acqua, in modo da tenere il liquido separato dai cibi.

Altrimenti prendi una zuppiera che regge la cottura in microonde e inserisci l'acqua e la verdura. Potresti anche semplicemente inserire gli ortaggi lavati ma non asciugati. Infatti, sono necessari circa 2-3 cucchiai di acqua ogni mezzo chilo di verdure (una quantità di liquido pari a 30-45 ml). Se hai scelto di usare una zuppiera, copri la superficie con della pellicola per alimenti, lasciando una piccola apertura laterale, che farà uscire il vapore in eccesso.

I tempi di cottura al vapore con microonde sono rapidi: per le patate ci vogliono circa 8 minuti a una potenza di 700 watt. Puoi cucinare con minore potenza, allungando i tempi di cottura, o mantenendo lo stesso tempo affettando però le patate e le verdure a listelli più sottili. Per zucchine o fagiolini bastano 6 minuti.

Essenziale è controllare la cottura delle nostre verdure dopo i primi 2-3 minuti di cottura. Alcune rondelle potrebbero essere già cotte dopo questo breve lasso di tempo. Contrariamente a quanto si crede, la cottura al vapore con microonde non sottrae nutrienti alle verdure. Ciò è molto più frequente con la lessatura, la frittura o solo stufandole con l'aiuto di una pentola a pressione.

Condimenti per verdure a vapore

Le hai pulite, tagliate, cotte: come condirle prima di metterle in tavola? Ecco i condimenti per verdure a vapore. Per guarnire il cavolfiore usa una salsina alla senape: ne bastano tre cucchiai, con succo di limone, sale, pepe e prezzemolo tritato. Prova l'abbinamento senape, yogurt e pepe macinato da abbinare ai fagiolini lessi.

Per le zucchine al vapore prova della salsa di soia con due cucchiai di miele e uno di olio di sesamo. Aggiungi zenzero ed erba cipollina per dare una sferzata di sapore a carote e patate. Puoi anche abbinare la salsa di soia al tè matcha, aceto di mele e peperoncino.

Step by Step

    • 1 Verdure a vapore cottura Sale&Pepe
    • Se avete il cestello in acciaio a fiore: mettete sul fuoco una casseruola con 2 dita di acqua salata a cui avrete aggiunto 2-3 grani di pepe.

      Preparate le verdure per la cottura, tagliatele a pezzi delle stesse dimensioni e sistematele nel cestello.

      Posate quest’ultimo sul fondo della casseruola, mettete il coperchio e lasciate su fuoco medio in modo che l’acqua mantenga un bollore leggero e costante fino a quando gli ortaggi sono teneri. Sollevate il cestello e togliete le verdure. Per carote a pezzi e patate novelle, come nella foto, occorrono 50-55 minuti di cottura.

    • 2 Verdure a vapore cottura Sale&Pepe
    • Se non avete il cestello, potete utilizzare uno scolapasta di metallo.

      Mettete sul fuoco una casseruola che lo possa contenere agevolmente e versate sul fondo circa 2-3 dita di acqua (dovrà rimanerne almeno 2 cm sotto lo scolapasta).

      Salatela e profumatela con erbe e spezie seguendo le indicazioni della ricetta prescelta e portatela a ebollizione. Immergetevi lo scolapasta con le verdure, coprite e cuocete su fuoco medio.

    • 3 Verdure a vapore cottura Sale&Pepe
    • Se siete dei cultori della cucina orientale usate il cestello di bambù.

      Mettete l’acqua in una casseruola a imboccatura larga o, se lo avete, nel wok, sistemate sul fondo il supporto del cestello a forma di croce e su questo appoggiate il cestello stesso con le verdure. Mettete l’apposito coperchio e portate le verdure a cottura.

Condividi


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it