Baccalà al gratin con vino bianco

  • 55 minuti PT55M
  • FACILE
  • kcal 260
  • recensioni
al-gratin-con-vino-bianco
Sale&Pepe

Ingredienti per 4 persone

CREA LISTA DELLA SPESA

Preparazione del baccalà al gratin con vino bianco

Poche calorie e tanto gusto nella ricetta del baccalà al gratin con vino, che puoi concederti anche se sei attenta alla linea: ecco tutti i passaggi per preparare questo secondo di pesce.

1) Lavora nel mixer il pangrattato, il rosmarino (lasciane da parte un rametto per la decorazione), un pizzico di sale e un po’ di pepe.

2) Sgocciola il baccalà dal liquido di ammollo, togli la pelle e le lische, quindi dividilo in filetti che passerai nel pangrattato aromatizzato al rosmarino. Trasferisci il baccalà in una pirofila precedentemente oleata e con 4 cucchiai d’olio sul fondo. Bagna i filetti con 2 cucchiai d’olio e il vino bianco.

3) Metti la pirofila nel forno preriscaldato e cuoci per 35 minuti a 200°. Quando il fondo di cottura sarà quasi del tutto asciugato e sulla superficie dei filetti si formerà una crosticina dorata, il tuo baccalà al gratin è pronto: decora con il rosmarino rimasto e porta in tavola caldo. 

Baccalà al gratin con vino bianco: informazioni sul piatto

Nel linguaggio comune, a volte si fa confusione fra baccalà e stoccafisso, che pur essendo parenti presentano delle differenze importanti: per entrambi la materia prima è il merluzzo bianco pescato nell’Atlantico settentrionale, che nel caso del baccalà è conservato sotto sale, mentre per lo stoccafisso è essiccato all’aria. Se per preparare questo baccalà al gratin con vino bianco usi del pesce sotto sale e non già ammollato, dovrai lasciarlo a bagno per alcune ore in acqua fredda prima di iniziare con la ricetta.

Condividi la ricetta



Abbina il tuo piatto a


  • Ricette via mail

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere settimanalmente suggerimenti, consigli e ispirazioni.

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it