Aggiornamento disponibile!
Fai tap sul pulsante AGGIORNA per aggiornare la Web App.

AGGIORNA ANNULLA

Installa la Web App Le ricette di Sale&Pepe sul tuo iPhone.

Fai tap su Installa Web App e poi Installa Web App "Aggiungi a Home".

Sei offline, alcune risorse potrebbero non essere disponibili. Verifica la connessione.

Il cioccolato aiuta la memoria

Il cioccolato aiuta la memoria

Secondo un recente studio il cioccolato contrasta la perdita di memoria dovuta all’età: però ce ne vuole tantissimo

Pinterest
stampa
Chunks Of Dark Chocolate On Aluminum Foil
Sale&Pepe


I primi freddi, Halloween, il Natale che si avvicina: tutto complotta a incoraggiare - se ce ne fosse bisogno - la nostra passione per il cioccolato.

Ora anche una recente ricerca scientifica. Uno studio pubblicato sul giornale Nature Neuroscience e riferito dal New York Times, ha mostrato i benefici del cioccolato contro la naturale perdita di memoria dovuta all'età.

Sono stati presi in esame due gruppi di persone sane tra i 50 e i 69 anni. A uno è stata somministrata per tre mesi una bevanda ricca di antiossidanti presenti nel cacao. Entrambi i gruppi poi sono stati sottoposti a un test di memoria. I soggetti che avevano bevuto il mix l'hanno superato molto più brillantemente degli altri e hanno mostrato capacità mnemoniche adeguate a persone più giovani di circa 20 o 30 anni.

Si è osservato che questo mix portentoso rinforza una specifica area del cervello, quella che permette per esempio di ricordare dove è stata parcheggiata la macchina o di ricostruire il volto di una persona conosciuta da poco. Quindi, suggeriscono gli studiosi, potrebbe essere utile a ritardare la fisiologica perdita di memoria dovuta all'età.

Le conclusioni della ricerca, però, non devono incoraggiare i numerosi fan del cioccolato americani e di tutto il mondo: non forniscono il pretesto per abbuffarsi. Per ottenere gli stessi sorprendenti risultati del test bisognerebbe mangiare al minimo 300 grammi di cioccolato fondente (cioè almeno 3 barrette al giorno) o di cacao non zuccherato. La concentrazione di flavonoidi, poi, dipende molto dai trattamenti utilizzati: molti di quelli che servono per realizzare barrette al latte o dolciumi disperdono le loro qualità. Quantità impensabili, che provocherebbero danni alla linea e forse problemi di digestione.

Una delusione per tutti quelli di noi che alle soglie o già oltre i 50 stavano già sognando una dispensa colma di neri irresistibili quadretti. Se non altro lo studio apre a una speranza: che quel quadretto rubato e gustato con infinito piacere, nonostante o appena entro i limiti dei regimi alimentari che ci suggeriscono, non faccia solo bene all'umore, combatta i radicali liberi e aiuti la circolazione - come sempre più spesso ci dicono - ma ci aiuti anche a ricordare. Se non altro di mangiarne un altro domani.

Livia Fagetti
29 ottobre 2014


Pubblicato il 29/10/2014

Condividi

Torna indietroTorna indietro Torna alla Home pageTorna alla Home page

Accedi

Registrati, gioca, diventa Gourmet e pubblica le tue ricette su Salepepe.it